• Home / CITTA / La destra s’è desta

    La destra s’è desta

    Dal coapogruppo di An in Consiglio comunale riceviamo e pubblichiamo 

    Si và in piazza. Bene. La Destra  s’è desta. Complimenti.
     La politica sembra aver compreso che è da li che bisogna ricominciare.
    Se la politica lascia la piazza ai comici ed ai cabarettisti o ai “girotondini” ed ai “pacifinti”, me ne darete atto, vuol dire che siamo ormai al dolce più che alla frutta.
    Quale luogo meglio della piazza, ( l’agorà della polis greca dove i cittadini si ritrovavano a discutere dei problemi della città), oggi degradata a spazio ristretto per le notte bianche e  “bivacco” per “nullafacenti ed affini”.
    Alleanza Nazionale sembra essersi svegliata dal letargo, come un “dè jà vu” ha realizzato che bisogna tornare tra la gente, che bisogna uscire dalla discussione sterile per assumere incisive e concrete iniziative.
    Cominciando da subito naturalmente. Il 13 ottobre si terrà a Roma una grande manifestazione di piazza organizzata da Alleanza Nazionale per parlare di legalità e sicurezza.
    La parola d’ordine sarà che i bisogni dei cittadini vengono prima degli interessi di parte.
    Un’aria di demenza militante attraversa il Paese, ne rovescia il senso e lo riduce in uno stato pietoso attraverso la perdita del senno, dei beni e dell’identità.
    Spero, finalmente si sia capito che non possiamo mettere tra parentesi, per ragioni di convenienza politica, la dignità delle persone
    Il disgusto per la politica si accresce a dismisura. Oggi paghiamo per essere insultati e siamo trattati come bambini deficienti da una classe politica che rappresenta una galleria umana variegata quanto bizzarra.
    Lo so, sarà brutto da mandare giù ma questa è la politica, bellezza mia.
    Questo Governo che doveva dare serenità agli Italiani lo ha invece spinto sull’orlo di una crisi di nervi.
    Si è sgonfiato nel giro di pochi mesi come un soufflè riuscito male.
    Ci vuole molto a trasformare il “teatrino della politica” (tale oggi è la migliore definizione) in teatro della vita?
    C’è bisogno di una politica forte, non afflitta da continue esigenze di mediazioni, capace di sfidare l’impopolarità a breve per conquistare sostegno a lungo termine.
    Alcuni esempi: meno immigrati e più polizia, potenziare l’opera di prevenzione e di controllo sul territorio ( che fine ha fatto il poliziotto di quartiere? ), trovare i fondi per dare uno straccio di libertà e di manovra a chi è impegnato a far rispettare la legge, certezza della pena.
    Si vive sull’onda dell’antipolitica per colpa di piccoli demagoghi da circo, tanti cagnolini che pisciano per limitare il territorio.
    Poi ci si chiede perché la gente ne ha pieni i sacri gingilli.
    A questo punto è  meglio lasciare negli spogliatoi le parole ed intendersi sui contenuti.
    Io che ho una passione tenera e struggente per il passato e sono d’indole nostalgica dico che bisogna finirla con questa “manfrina” e ritornare all’ordine, alle regole ai temi forti della politica ed ai valori veri.
    Bisogna avvertire e percepire la passione, la tensione, le idee, il progetto politico.
    E’ necessario dare un pizzicotto al nostro Partito e richiamarlo alla realtà.
    Alleanza Nazionale non deve limitarsi ad una passiva considerazione del degrado morale, del permissivismo e del lassismo.
    Il tredici ottobre deve essere l’adunata del popolo della Destra di quella autentica ed autenticata. La Destra che difende la patria, la legalità, la famiglia, la dignità dell’uomo.
    Una Destra gerarchica (non fraintendetemi intendo meritocratica) che premi i migliori secondo un principio di uguaglianza (opportunità di partire alla pari), una destra moderna che sappia guardare al futuro non perdendo di vista il passato e le tradizioni. Una Destra Almirantiana che riesca ad “infuocare” la piazza, che parli all’Italia ed agli Italiani,  che punta dritto al cuore della gente e che faccia ritrovare quel senso di appartenenza di cui oggi si avverte dolorosamente la mancanza
     
    Antonio Nicolò – Capogruppo al Comune di Alleanza Nazionale