• Home / CITTA / Trapianti: convegno nazionale ad Altafiumara

    Trapianti: convegno nazionale ad Altafiumara

    altafiumarabisIncentivare l'attività trapiantologica nel Meridione d'Italia. Con questo obiettivo l'OCST, Organizzazione Centro Sud Trapianti intraprende i lavori del suo terzo Convegno Nazionale, in programma a Reggio Calabria dal 13 al 15 settembre 2007. Nell'organismo è molto sentita la necessità di incrementare il coordinamento funzionale di iniziative del Sud Italia, che prima erano isolate e registravano un notevole ritardo rispetto ai risultati raggiunti al Nord.


    Il Convegno avrà luogo presso Altafiumara Hotel – Santa Trada di Cannitello – Villa San Giovanni (RC) e vedrà la partecipazione di oltre cinquanta relatori di elevato spessore scientifico, provenienti da numerose città d'Italia che, per tre giorni, faranno il punto sullo stato delle donazioni e dei trapianti al Centro Sud. I lavori si concluderanno sabato mattina con l’attesa tavola rotonda tra gli assessori regionali alla Sanità di tutte le regioni che afferiscono all’OCST.
    Presidente Scientifico del Convegno è il Prof. Raffaello Cortesini, pioniere e memoria storica dell'attività trapiantologica in Italia, che ha portato il sistema dei trapianti in tutto il Centro-Sud. Presidente del Convegno è il Dr. Pellegrino Mancini, Direttore del Centro Regionale Trapianti Calabria, che si è detto particolarmente soddisfatto della scelta fatta dall’OCST di assegnare alla Calabria l’organizzazione della terza edizione del proprio Convegno Nazionale. Mancini ha, inoltre, voluto ringraziare la Regione Calabria per il notevole sostegno assicurato, tutti gli illustri relatori che si alterneranno al tavolo dei lavori e quanti hanno collaborato  per la migliore riuscita dell’evento. Il Presidente dell'OCST, Dr. Vito Gaudiano, ha sottolineato l’importanza di questo convegno, “l'occasione  per tracciare un interessante bilancio sui risultati delle attività di prelievo e di trapianto nell'OCST e per la definizione di procedure e protocolli operativi condivisi, finalizzati alla sicurezza di tutto il delicato  processo”.
    Nella tre giorni calabrese saranno affrontate diverse tematiche di particolare interesse ed attualità, quali: significato attuale e criticità dei modelli interregionali e la loro integrazione con quelli regionali; aspetti organizzativi del processo di donazione con particolare riferimento all’utilizzo di protocolli relativi alla sicurezza; il futuro dei trapianti con approfondimenti su quelli di fegato, polmone, cuore, rene, insule pancreatiche, tessuti e cellule. E' prevista, inoltre, una Sessione interamente dedicata al personale Infermieristico, dal titolo: "L’infermiere nel processo di donazione e trapianto: modelli formativi/organizzativi ed esperienze a confronto", che avrà luogo nella giornata di venerdì 14 settembre.
    Il Convegno è stato accreditato dal Ministero della Salute ed ha ricevuto il Patrocinio dal Centro Nazionale per i Trapianti, dalla Regione Calabria, dalla Provincia di Reggio Calabria, dal Comune di Reggio Calabria, dal Comune di Villa San Giovanni, dall’Azienda Ospedaliera e dall’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, dall’Ordine Provinciale dei medici Chirurghi ed Odontoiatri di Reggio Calabria, dal Policlinico Umberto I° di Roma e dall’ASL 4 di Matera. Un'interessante appendice del Convegno si terrà sabato 15 settembre dal titolo: “Istituzioni e Volontariato. Un fine comune: incrementare le donazioni” a cui parteciperanno i rappresentanti delle associazioni nazionali che operano in questo settore .