• Home / CITTA / Spiagge Calabria: Tripodi incontra i Sindaci

    Spiagge Calabria: Tripodi incontra i Sindaci

    Il 14 ottobre prossimo scade il termine per l'approvazione dei Piani spiaggia da parte di 175 Comuni calabresi. A tre mesi, cioe', dall'approvazione del Piano di indirizzo regionale (Pir) previsto dall'art 6 della legge regionale 17/2005. Per fare il punto della situazione, l'assessore Michelangelo Tripodi ha convocato, al Comalca di Germaneto, amministratori locali e associazioni di categoria. ''Vorremmo – ha esordito Tripodi – che la stagione estiva 2008 fosse contrassegnata dalle nuove misure previste dalla legge regionale 17/2005 e dal Piano di indirizzo regionale entrato in vigore il 14 luglio scorso e realizzato con la partecipazione e con il coinvolgimento di tutti i soggetti economici, sociali e istituzionali direttamente interessati. Percio' l'incontro di oggi dovra' servire a valutare insieme i termini di attuazione del nuovo provvedimento che portera' al conferimento alle amministrazioni comunali delle funzioni in materia di demanio marittimo''. ''I segnali – ha proseguito l'assessore all'urbanistica – non sono incoraggianti. Ad oggi, da quel che mi risulta, non e' stato presentato nemmeno un Piano spiaggia. Pertanto, e' importante cercare di capire le difficolta' per evitare che alla scadenza si passi al commissariamento delle funzioni. La Regione sta facendo in pieno la sua parte ed e' anche disponibile a valutare l'eventualita' di trasferire personale regionale ai Comuni che ne avessero bisogno''. Gli amministratori comunali intervenuti, dopo aver esposto le varie difficolta' riscontrate, hanno chiesto, tra l'altro, tempi piu' lunghi per la presentazione dei progetti e il mantenimento di piu' spiaggia libera. Ma secondo l'assessore Tripodi ''i tempi per ripartire con le carte in regola per la prossima stagione estiva ci sono. Per cui – ha dichiarato – non sono d'accordo a dilatare i tempi perche' c'e' il rischio che si arrivi al blocco delle concessioni per il 2008, con il conseguente blocco dell'economia di questa regione. Comunque – ha assicurato – non delibereremo certamente il commissariamento il giorno dopo la scadenza, ma faremo il possibile per venire incontro a tutte le esigenze che si presenteranno. Lavoreremo per unificare le azioni e per raggiungere il giusto equilibrio. L'obiettivo che vogliamo perseguire – ha detto infine Tripodi – e' che la stagione estiva 2008 venga gestita dai Comuni''. Il conferimento alle amministrazioni comunali delle funzioni in materia di demanio marittimo destinato a fini turistico-ricreativi concerne, in particolare, il rilascio, rinnovo, revoca e decadenza delle concessioni demaniali marittime; la vigilanza sull'uso delle aree concesse rispetto alle finalita' turistico-ricreative; le autorizzazioni al subingresso nella concessione e all'affidamento ad altri soggetti delle attivita' oggetto della concessione; il rilascio, rinnovo, modificazione e revoca delle concessioni relative ai porti di interesse regionale. (Asca)