• Home / CITTA / Runione di ‘ndrangheta a luglio a Sinopoli per pianificare omicidio magistrato

    Runione di ‘ndrangheta a luglio a Sinopoli per pianificare omicidio magistrato

     Di un attentato ad un magistrato della Dda di Reggio si e' parlato, secondo quanto e' emerso dalle indagini dei carabinieri del Ros basate su fonti confidenziali, nel corso di una riunione tra boss della 'ndrangheta svoltasi a Sinopoli, nella Piana di Gioia Tauro. Nella riunione i boss avrebbero fatto riferimento ad un magistrato che con la sua attivita', negli ultimi giorni di luglio, avrebbe provocato gravi danni alle loro attivita'. Il Ros, in un'informativa, riferisce che la 'ndrangheta si sarebbe mossa ''contattando anche esperti di esplosivo provenienti dalla Sicilia per attuare l'attentato''. Nel loro rapporto, inoltre, i carabinieri indicano i vertici delle organizzazioni criminali delle cosche Condello, Tegano, De Stefano e Labate come i decisori di un ''attentato ai danni di magistrati della Dda Procura, attentato progettato al fine di frenare l'azione particolarmente repressiva attuata dalla magistratura nei confronti degli affiliati alle cosche, in particolare di giovani appartenenti alle consorterie che non potranno piu' essere utilizzati come prestanome nelle attivita' di natura economica e politica''. ''Al momento – scrive il Ros – sebbene non sia stata presa alcuna decisione risolutiva circa l'eventuale programmazione dell'attentato, i vertici delle organizzazioni criminali presenti all'incontro sono in attesa di ricevere il consenso da parte degli omologhi gruppi criminali della zona ionica della provincia di Reggio , i quali si sarebbero dimostrati contrari a tale azione''. L'intenzione di preparare un attentato ai magistrati della Dda avrebbe trovato riscontro anche dal circuito carcerario attraverso una nota dell'Agenzia per la sicurezza degli interni, l'ex Sisde. (ANSA).