• Home / CITTA / Regione, Borrello lascia incarico relatore sulla Stazione Unica Appaltante

    Regione, Borrello lascia incarico relatore sulla Stazione Unica Appaltante

    “Lascio l’incarico di relatore del progetto di legge sulla Stazione unica appaltante in discussione nella competente Commissione del Consiglio regionale”.
    E’ la decisione assunta questa mattina da Antonio Borrello, vicepresidente del Consiglio regionale e relatore del progetto di legge sulla Stazione unica appaltante nella prima Commissione permanente “Affari istituzioni e affari generali”, dopo aver appreso che, mercoledì prossimo, la Giunta regionale presenterà, nel corso di una conferenza stampa, il proprio progetto di legge sullo stesso argomento.
    “In un contesto istituzionale in cui la mano destra non sa cosa fa la mano sinistra, non ci penso neanche un attimo – aggiunge Borrello –  a  continuare ad occuparmi di una questione come la Stazione unica appaltante che ho sempre considerato  serissima, al  punto che già a  marzo scorso ho presentato un apposito progetto di legge che si occupa anche del sistema di regole per i lavori pubblici”.
    Argomenta il vicepresidente del Consiglio: “Se la Giunta regionale decide di presentare alla stampa il suo progetto di legge sulla Stazione unica appaltante, addirittura assieme a un membro del Governo come l’on. Minniti, mentre sull’argomento ci sono, in Consiglio regionale,  due progetti di legge di cui io,    per decisione assunta dalla Commissione   la settimana scorsa, devo occuparmi,   essendo  tra l’altro  il proponente di uno dei due, per la riunificazione in un solo testo di legge, è segno che la Giunta è disinformata su quanto accade.  In Consiglio, tra l’altro, si discute, con serietà, sui ricorsi presentati dal Governo alla Corte Costituzionale circa analoghi provvedimenti approvati da altre Regioni, proprio  per cercare di capire i limiti della competenza regionale sulla materia  e quindi per legiferare senza suscitare un ricorso del Governo; sarebbe, allora, importante sapere, anche per la prosecuzione del lavoro in Commissione se la presenza del viceministro on. Minniti alla conferenza stampa è casuale o significa che il Governo non si opporrà al progetto di legge della Giunta”.