• Home / CITTA / Reggio, vicesindaco esprime compiacimento per ri-avvio progetto Gallico-Gambarie

    Reggio, vicesindaco esprime compiacimento per ri-avvio progetto Gallico-Gambarie

    Il Vicesindaco, Giovanni Rizzica esprime soddisfazione per la ripresa dell’avvio del progetto relativo alla costruenda strada a scorrimento veloce Gallico-Gambarie. “Un plauso- ha spiegato Rizzica- va al Consiglio comunale che nel corso dell’ultima seduta consiliare ha inserito il progetto tra le opere prioritarie per lo sviluppo socio-economico dell’intero territorio ed al Presidente della Provincia, Giuseppe Morabito per aver appaltato il progetto per il completamento dell’importante collegamento.  I tempi per la realizzazione dell’opera- ha rimarcato il Vicesindaco- sono, certamente, in enorme ritardo se consideriamo che la Cosenza- Camigliatello che contribuisce alla valorizzazione della Sila cosentina, costituisce una realtà ormai da oltre trent’anni. Sarebbe, quindi, auspicabile che, finalmente, anche la Gallico- Gambarie si concretizzi”. Rizzica non ha mancato di sottolineare l’impegno profuso anche dal Comitato promotore presieduto dall’on. Priolo e che vede il coinvolgimento di tutti i sindaci della Vallata del Gallico ma tanto ancora può essere fatto per reperire le necessarie risorse finanziarie. “ Sua Eccellenza il Prefetto Luigi De Sena – ha continuato il Vicesinadaco- ha sempre dimostrato nel corso del suo mandato a Reggio sensibilità ed interesse per la realizzazione dell’opera, prodigandosi con le autorità competenti per accelerare i tempi di realizzazione. Sono convinto che anche il nuovo Prefetto, Sua Eccellenza Francesco Musolino, dimostrerà tale attenzione. Attendiamo fiduciosi di avere conferme- ha detto il numero due di Palazzo San Giorgio- dal Sottosegretario alle Infrastrutture, on. Luigi Meduri che  la Gallico-Gambarie sia alla sua attenzione affinché vengano reperite le risorse finanziarie necessarie ed urgenti”. A giudizio di Giovanni Rizzica  la Gallico-Gambarie non deve essere considerata elemento di sviluppo esclusivamente del territorio reggino ma va inserita in un’ottica più ampia che riguarda l’intera Area dello Stretto. “ Non dobbiamo dimenticare- ha concluso Rizzica che sono numerosi i cittadini della provincia Messinese amanti ed estimatori delle bellezze delle nostra montagna. L’opera, quindi, va considerata  componente strategica verso una migliore e reale integrazione dell’Area dello Stretto”. (ROTO SAN GIORGIO)