• Home / CITTA / “Ammazzateci tutti” soddisfatto per “Legalitalia”

    “Ammazzateci tutti” soddisfatto per “Legalitalia”

    A quasi un mese di distanza si è riunito in data odierna il coordinamento provinciale del movimento “Ammazzateci tutti" con all'ordine del giorno l'analisi del  Meeting "Legalitalia", organizzato con ottimo successo dal Movimento a Reggio nei giorni dal 9 all'11 agosto scorso. Grande soddisfazione è stata espressa da tutti i componenti del coordinamento provinciale reggino, anche perchè si era alla prima esperienza di organizzazione di un evento di così grande portata, che ha incassato l'apprezzamento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ed il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero delle Politiche Giovanili e della Presidenza della Giunta Regionale della Calabria, nonchè quello fattivo e determinante del Comune di Reggio Calabria e personale del sindaco Giuseppe Scopelliti.
    Il coordinamento provinciale reggino del Movimento ha inteso predisporre un simbolico attestato di gratitudine per tutti questi importantissimi sostegni, nonchè per il prezioso contributo dell'Associazione "Libera", del Centro Servizi al Volontariato di Reggio Calabria, Del Consorzio di cooperative sociali della Locride "Goel”, del Progetto Policoro e dell'associazione “La città del sole”, oltre che ovviamente per le aziende partner della tre giorni Progetto 5, Caffè Mauro, Mangiatorella, Papandrea.
    Il bilancio del meeting di Reggio Calabria è positivo sotto tutti i punti di vista, soprattutto grazie agli interventi preziosissimi di tutti gli illustri relatori: da Don Luigi Ciotti, ai giudici Salvatore Boemi, Nicola Gratteri e Luigi De Magistris, ai bravissimi giornalisti moderatori degli incontri Michele Cucuzza, Enrica Majo del GR1, Maria Luisa Cocozza del Tg5 ed Enrico Fierro de “L'Unità”, agli onorevoli Beppe Lumia, Angela Napoli e Doris Lo Moro, alla straordinaria testimonianza dell'ex imprenditore oggi testimone di giustizia Pino Masciari, della mamma-coraggio Liliana Carbone, di Sonia e Chicco Alfano (figli del giornalista siciliano Beppe, ucciso da Cosa Nostra). A ciò si aggiunga l'elevato spessore dei workshop pomeridiani, dove i ragazzi singoli ed appartenenti ad associazioni arrivati da tutta Italia hanno avuto modo di conoscere ed approfondire tematiche quali il lavoro, il volontariato, le legislazione antimafia, il cooperativismo, l'informazione.
    Nell'ottica di una operatività densa di contenuti e lontana dalle chiacchiere il Movimento "Ammazzateci tutti" ritiene di importanza fondamentale l'aver attivato una profonda e proficua sinergia con la neo-costituita Fondazione "Antonino Scopelliti", magistrato calabrese della Suprema Corte di Cassazione assassinato dalla mafia nel 1991 a Campo Calabro, insieme alla quale si stanno già predisponendo i prossimi "passi di legalità" che si percorreranno insieme in Calabria.
    Nel corso della riunione il coordinamento provinciale ha ritenunto anche di procedere alla formalizzazione degli incarichi organizzativi e di coordinamento di alcuni gruppi di lavoro.
    A tal fine il coordinamento di è espresso, su indicazione diretta del portavoce del Movimento Aldo Pecora e di Rosanna Scopelliti, per la nomina a coordinatore provinciale e cittadino di Reggio Calabria del diciottenne Giuseppe Cantarella, uno dei più attivi ed impegnati giovani reggini aderenti al Movimento, ringraziando Daniele Quartuccio per aver svolto provvisoriamente tali funzioni fino a questa fase di consolidamento del movimento sul territorio provinciale e cittadino.
    Cantarella avrà il compito ora di organizzare il Movimento soprattutto in città, e convocare a breve una riunione operativa con tutte le “new entry” del Movimento, ovvero con quelle ragazze e quei ragazzi reggini che hanno manifestato disponibilità di impegno con “Ammazzateci tutti” durante la tre giorni di “Legalitàlia”, lasciando i propri dati ed i propri contatti.
    Adesso si parte per le prossime tappe di impegno, a partire dalla consolidazione del Movimento su scala nazionale attraverso l'apertura dei primi coordinamenti regionali in Sicilia, nel Lazio ed in Lombardia, dove giorno 8 ottobre a Busto Arsizio verrà organizzata sempre a cura di “Ammazzateci tutti” la “Giornata regionale della legalità” e presentato ufficialmente il nascente coordinamento regionale alla presenza del Procuratore generale di Torino Giancarlo Caselli e di numerosi esponenti del panorama antimafia italiano.