• Home / CITTA / “Ammazzateci tutti”: lascia coordinatore cittadino

    “Ammazzateci tutti”: lascia coordinatore cittadino

    Dal coordinatore cittadino del movimento "Ammazzateci tutti" riceviamo e pubblichiamo

    A seguito di un periodo di riflessione sono arrivato alla decisione che non ricoprirò
    più il ruolo di Coordinatore Reggino del movimento antimafia “E adesso ammazzateci
    tutti”.
    Questa mia decisione, maturata già qualche giorno fa, è dettata da svariati motivi
    ma, soprattutto per la  scarsa “partecipazione attiva” di tutti i membri che  fanno
    parte dell’associazione e anche per via  dei comunicati stampa firmati a nome dei
    ragazzi del movimento i quali “quasi sempre” ne sono stati all’oscuro. Per questo
    motivo, per non venir meno ai valori per i quali sono stato educato ho preso, mio
    malgrado, questa decisione.
    Il mio impegno antimafia e, in particolar modo, quello di promozione della legalità
    come valore che vada vissuto quotidianamente, continueranno in altro modo. Per ora mi
    impegnerò nel mio piccolo e nel mio quotidiano a profondere questi valori senza
    pretendere di ergermi a “paladino della giustizia e della legalità” ma,
    semplicemente, come ragazzo che crede che la situazione attuale di degrado culturale
    e di radicata illegalità, con l’impegno di tutti, può cambiare. In seguito, non
    escludo, che potrei impegnarmi con altre associazioni o con qualche partito al fine
    di fare politica “attiva”, anche se questa ultima ipotesi al momento lo escludo.
    A giorni, qualora lo ritenessi opportuno, giusto perché la gente abbia una visione
    chiara della situazione che si è venuta a creare, potrei vedermi obbligato a indire
    una conferenza stampa nella quale spiegare ancora più chiaramente a tutte le persone
    quale sia la mia posizione.
    Al momento mi limito ad un semplice comunicato stampa dal momento che
    l’amministratore e webmaster del forum del sito di “ammazzateci tutti”, nonché
    portavoce del movimento, Aldo Pecora, ha “democraticamente” deciso di impedirmi di
    partecipare alle discussioni che in questo si creavano nonostante il sottoscritto non
    sia contravvenuto a nessuna delle regole stabilite dal forum per il quieto vivere di
    tutti; per cui, l’unico mezzo che ho
    a disposizione per comunicare la mia decisione è
    proprio questo comunicato.