• Home / CITTA / Mafia: il catasto dei beni confiscati

    Mafia: il catasto dei beni confiscati

    Quasi la meta', 45%, dei beni confiscati in Italia si trova in Sicilia, 3.471, e di questi 2.003 gestiti dal Demanio e 1.468 gia' consegnati agli enti locali. Il dato emerge dal report dell'Agenzia del Demanio, presentato stamani a Palermo in occasione dell'assegnazione di 258 immobili al Comune. Dopo la Sicilia ci sono, anche se molto staccate, la Campania (16%, con 1.205 immobili confiscati, di cui gia' destinati 734), e la Calabria (15%, con 1.175 immobili confiscati di cui 773 assegnati). A Palermo, in particolare, si trova il 45% degli immobili confiscati ai boss in Sicilia. Grazie al protocollo d'intesa firmato oggi e all'assegnazione di altri 258 beni, la percentuale degli immobili gia' destinati cresce dal 22% al 38%. I rimanenti beni, che non rientrano nell'accordo, per il 90% presentano delle criticita' ostative alla destinazione (nel 68% dei casi ci sono iscrizioni ipotecarie pregiudizievoli e il 70% fa parte del patrimonio di societa' a loro volta confiscate). Il restante 10% e' costituito da immobili gia' d'interesse di altri enti destinatari, in cui vengono svolte attivita' economiche. In quest'ultimo caso per salvaguardare i livelli occupazionali e la continuata' delle imprese questi beni verranno mantenuti al patrimonio dello Stato e destinati a finalita' aziendali. (ANSA)