• Home / CITTA / Loiero: “I lavori della SA-RC spaccano l’Italia in due”

    Loiero: “I lavori della SA-RC spaccano l’Italia in due”

    Non si puo' ipotizzare, con i lavori in corso sull'Autostrada del Sud, di isolare mezza Calabria e la Sicilia dal resto del Paese. Da Gioia Tauro in giu' ci aspettiamo situazioni infuocate. L'Italia sara' spaccata in due. L'economia del Sud sara' penalizzata ancora. L'intero Paese ne risentira' negativamente. Un blocco come quello previsto per i lavori, infatti, non conviene al Mezzogiorno e non conviene all'Italia e all'Europa". E' l'allarme lanciato dal presidente della Regione Calabria Agazio Loiero, conversando con i giornalisti nel corso del summit sul Mezzogiorno promosso a Napoli dal ministro Pier Luigi Bersani. "Bisogna provvedervi in tempo. Non si puo' pensare al Sud – ha aaggiunto Loiero – come un'appendice fastidiosa del Paese e bisogna darsi da fare a ogni livello per cancellare i ritardi ma anche per evitare errori. I temi economici discussi sono decisivi per il futuro di molte regioni – ha commentato Loiero parlando dell'incontro di oggi a Napoli – ma sono convinto che il Quadro comunitario di sostegno per il Sud 2007-2013, se ben sfruttato e ben speso, e' idoneo a garantire una reale inversione di tendenza, offrendo alle regioni meridionali un'opportunita', l'ultima, per risollevare le sorti delle realta' locali". Per il presidente della Regione Calabria, a ogni modo, c'e' "un risveglio di attenzioni verso il Mezzogiorno che era stato cancellato dall'agenda di governo e cio' aiuta ad avere fiducia sulle intenzioni di Prodi e del centrosinistra per quanto riguarda l'elaborazione di politiche di sostegno, non di incentivi, per il Sud". Per il presidente Loiero "la sfida restano i Por. Dopo i disastri del passato – ha detto – ci siamo messi di buzzo per elaborare un piano capace di creare le situazioni idonee e uno sviluppo rapido e stabile. E sono convinto che la Calabria ce la fara'. Trasferimenti finanziari, piu' investimenti nel capitale e interventi nel sociale daranno alla Calabria la piattaforma necessaria per lo sviluppo tanto atteso". (AGI)