• Home / CITTA / Incredibile conferma: Strangio arrestabile solo in Germania!

    Incredibile conferma: Strangio arrestabile solo in Germania!

    Giovanni Strangio, il giovane incriminato dalla Polizia tedesca per la strage di Duisburg, potrebbe essersi rifugiato in Italia. Nulla esclude, anzi, che il giovane presunto killer della cosca Nirta-Strangio, potrebbe trovarsi proprio a San Luca. Se, pero', Strangio venisse individuato dalle forze di polizia del nostro Paese non potrebbe essere arrestato perche' il giovane, in Italia, e' a tutti gli effetti un uomo libero. E' la paradossale situazione emersa in relazione alle indagini sull'agguato accaduto a Ferragosto davanti al ristorante ''Da Bruno'' in cui sono stati uccisi sei presunti affiliati alla cosca Pelle-Vottari, rivale dei Nirta-Strangio nella faida che si protrae dal 1991. Il mandato di cattura emesso dalla magistratura tedesca nei confronti di Strangio non e' stato internazionalizzato e puo' essere eseguito, dunque, soltanto in Germania. Un portavoce della polizia di Duisburg ha riferito che quella di estendere la validita' del provvedimento restrittivo a carico di Giovanni Strangio e' soltanto una possibilita' che si sta esaminando. E cio' potra' avvenire, e' stato aggiunto, sulla base dell'evolversi delle indagini e dell'acquisizione di ulteriori elementi a carico di Strangio. Lo stesso portavoce ha aggiunto che Giovanni Strangio potrebbe essere eventualmente arrestato in Italia nel caso che a suo carico vi fossero pendenze penali nei confronti della giustizia italiana. In realta' a carico di Giovanni Strangio in Italia non risulta alcuna pendenza. Il giovane, dopo avere patteggiato la condanna ad un anno e mezzo per essere stato trovato con una pistola ai funerali della cugina, Maria Strangio, uccisa il giorno di Natale dello scorso anno, e' stato scarcerato nel luglio scorso grazie alla sospensione condizionale della pena. E da quel momento, secondo l'accusa che gli viene contestata dalla polizia tedesca, con l'avallo di quella italiana, avrebbe avuto la possibilita' di pianificare la strage attuata la notte di Ferragosto in Germania. Giovanni Strangio, tra l'altro, e' la stessa persona raffigurata nell'identikit tracciato dalla Polizia tedesca sulla base della dichiarazione di una donna, che ha visto uno dei responsabili della strage allontanarsi alla guida di un'automobile dal luogo della strage. La testimone ha fornito una dettagliata descrizione del giovane, facendo riferimento, in particolare, ai suoi lineamenti gradevoli ed ai suoi occhi azzurri. Una testimonianza che si e' rivelata fondamentale per il buon esito dell'inchiesta. Erano stati i carabinieri a mettere in allerta la Polizia tedesca su una possibile partecipazione di Giovanni Strangio alla strage di Duisburg. I militari, infatti, avevano acquisito alcuni elementi a carico del giovane che avevano ''girato'' agli investigatori tedeschi, che hanno trovato importanti riscontri che hanno poi portato all'emissione del mandato di cattura. Un coordinamento investigativo che si e' rivelato efficace. Che senso ha, pero', si chiedono adesso gli investigatori italiani, avere limitato la validita' del provvedimento al territorio tedesco?. (ANSA).