• Home / CITTA / Gioia Tauro: assessore da Giunta di destra a Partito Democratico

    Gioia Tauro: assessore da Giunta di destra a Partito Democratico

    Polemiche dal Consiglio non ne arrivano. Tra gli assessori, poi, neanche a parlarne: la corsa dell'assessore Elena Barbaro all'Assemblea costituente nazionale del Partito democratico mette a disagio quasi tutti a Gioia Tauro. Da una parte un'Assemblea a maggioranza Udc, dall'altra una giunta guidata dal centrista Giorgio Del Torrione in ticket con l'aennino Rosario Schiavone. Lei, titolare della Cultura di un comune in cui il consigliere piu' a sinistra milita nelle fila dell'Udeur, vive il suo nuovo percorso con il massimo della serenita'. Percorso nuovo? "Niente affatto. A mio modesto avviso – dice al VELINO – non c'e' alcuna incompatibilita' tra la mia candidatura e la mia elezione in giunta. D'altra parte mio padre era un socialista". Nessuno si scandalizzi, dunque se Barbaro oggi sostiene Rosy Bindi. "Sin dalla campagna elettorale – spiega ancora il medico trentacinquenne – ho messo in chiaro che la mia strada politica e' di centrosinistra. Oggi aderisco a questa importante iniziativa non solo per la Calabria, ma per l'intero Paese". Solo pochi mesi fa, pero', ai tempi delle amministrative, la lista civica della Barbaro sosteneva senza riserva la riconferma del sindaco. E fino ad oggi la sua azione politica non ha certo rappresentato gli interessi degli esclusi dagli scranni di Quercia e Margherita. A sentire lei, con il primo cittadino non ci sarebbero problemi: "Lo dimostra il fatto – spiega – che fino ad oggi nessuno mi ha convocato dalla giunta". Ottimi sarebbero anche i rapporti con diessini e diellini: "Presto mi incontrero' con loro per definire meglio la mia posizione nelle liste". Un idillio? (Velino)