• Home / CITTA / Cosenza, ecco il “Calabria Film Festival”

    Cosenza, ecco il “Calabria Film Festival”

    Si svolgera' a Cosenza dal 9 al 13 ottobre la prima edizione del "Calabria Film Festival", promosso dalla Fondazione Calabria Film Commission, presieduta da Francesco Zinnato, con il patrocinio dei Ministeri dell'Ambiente e delle Attivita' Culturali, degli assessorati al turismo ed all'ambiente della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza e dei Comuni di Cosenza, Rende, Castrolibero e Montalto Uffugo. Tema del festival internazionale, che avra' un proprio concorso articolato in due sezioni, una narrativa e l'altra documentaristica, e' "Cinema, Ambiente e Paesaggio". La direzione del "Calabria Film Festival", che vedra' per cinque giorni a Cosenza cineasti di diverse nazionalita', ma anche alcuni grandi maestri del cinema italiano come Mario Monicelli, Ettore Scola, Francesco Maselli, Vittorio De Seta e Ugo Gregoretti, e' stata affidata dalla Fondazione Calabria Film Commission al regista di origini calabresi Andrea Frezza, assistente di alcuni tra i piu' importanti cineasti internazionali come Jean Luc Godard, Robert Bresson e Orson Welles. La scelta del tema del festival e' stata spiegata dal direttore artistico: "Il paesaggio e' un elemento fondamentale del racconto per immagini, estensione di psicologie e sentimenti dei personaggi, comunicazione emotiva allo spettatore, suggerimento di ricerca e approfondimento della zona misteriosa che ogni opera nasconde e in quanto tale stimola l'attenzione dello spettatore. La tematica ambientale prescelta – ha aggiunto Frezza – non si traduce, come si sarebbe portati a pensare, nella denuncia di un'apocalisse incombente, ma soprattutto come rappresentazione di luoghi di vita e condizioni esistenziali nelle quali si sviluppano storie e vicende umane." Il Festival e' tendenzialmente impegnato a promuovere e a far conoscere le risorse e i territori della Calabria, regione di forti contraddizioni nella quale convivono grandi e peculiari ricchezze naturali e paesaggistiche ed una dissennata gestione del territorio che ha permesso che quelle bellezze venissero spesso violate e deturpate, degradate da ecomostri, dalla miriade di case senza intonaco, da migliaia di edifici non completati che danno un senso di provvisorieta' diffusa. Il "Calabria Film Festival", con la forte carica emotiva delle immagini e delle storie, diventa un'operazione culturale finalizzata alla sensibilizzazione per il rispetto dell'ambiente e del paesaggio ed alla possibile riqualificazione del territorio e dei tessuti urbani. Per la prima edizione del Festival sono attesi a Cosenza moltissimi ospiti che sfileranno sul 'red carpet' che sara' approntato sull'isola pedonale di Corso Mazzini fino alle sale del circuito Kostner (Citrigno, Modernissimo e San Nicola) dove sono programmate le proiezioni. Oltre a quella dei registi dei film in concorso e di alcuni tra i grandi maestri del cinema italiano, e' annunciata la presenza di un nutrito gruppo di attori. Si fanno i nomi tra gli altri, anche se manca ancora l'ufficialita', di Francesca Neri e Claudio Amendola, Luca Zingaretti, Valeria Golino, Franco Nero e Lea Massari, mentre della giuria dovrebbero far parte Francesco Rosi, Laura Morante, Anna Galiena, il vincitore del Premio Strega Niccolo' Ammanniti ed il celebre architetto Massimiliano Fuksas. Il Festival dedichera' una retrospettiva-omaggio a Vittorio De Seta, autore di "Banditi ad Orgosolo" e del recente "Lettere dal Sahara" ed una al regista tedesco Werner Herzog, curata da Enrico Ghezzi. Tra i premi che saranno assegnati, a parte quelli delle selezioni ufficiali del concorso, figurano quello speciale della Fondazione Calabria Film Commission alla memoria di Aroldo Tieri e quello dell'Universita' della Calabria direttamente attribuito dagli studenti che seguiranno da spettatori il Festival. Gli studenti saranno chiamati a scegliere, attraverso una scheda che sara' distribuita all'ingresso dei cinema che proietteranno le opere in concorso, il miglior film narrativo, il miglior documentario ed il miglior cortometraggio. Ma l'Universita' della Calabria sara' protagonista del Festival a diversi livelli. L'aula magna dell'ateneo ospitera', infatti, gli attesissimi confronti fra i grandi maestri del cinema italiano ed alcuni autori di nuova generazione. A coordinarli sara' il critico cinematografico Enrico Magrelli. Mario Monicelli sara' messo a confronto con Gianni Zanasi, Francesco Maselli con Wilma Labate, Ettore Scola con Pasquale Scimeca, Vittorio De Seta con Antonio Captano e Ugo Gregoretti con Alex Infascelli. L'Universita' della Calabria curera' anche due pubblicazioni che evidenziano il carattere anche scientifico dell'iniziativa: un catalogo-libro sul regista tedesco Werner Herzog, all'interno del quale sono contenuti interviste inedite ad alcuni saggi a cura di Enrico Ghezzi e Roberto De Gaetano, ed un quaderno dedicato ad Aroldo Tieri con la prima filmografia completa dell'attore calabrese scomparso. Il "Calabria film Festival" si concludera' il 13 ottobre con la cerimonia di premiazione in programma al Teatro "A.Rendano. (AGI)