• Home / CITTA / Comandante Carabinieri Calabria in visita al Presidente del Consiglio regionale

    Comandante Carabinieri Calabria in visita al Presidente del Consiglio regionale

    Accompagnato dal colonnello Antonio Fiano, che ha concluso la sua esperienza al vertice del comando provinciale di Reggio Calabria, il generale di brigata Marcello Mazzuca ha reso visita questa mattina al presidente del Consiglio regionale Giuseppe Bova.
    La presenza del nuovo comandante della Regione Carabinieri Calabria a palazzo Campanella rientra nel quadro degli incontri che il generale Mazzuca ha avuto con le massime autorità regionali e locali dopo il suo insediamento. Il presidente Bova, nel rivolgere il suo saluto all’alto ufficiale, ha espresso profondo apprezzamento per il lavoro che gli uomini della Benemerita continuano a svolgere non solo in Italia, ma anche nelle missioni di pace all’estero.
    “In una fase assai delicata della vicenda del nostro Paese, come quella attuale, i Carabinieri rappresentano una delle Istituzioni che ancora oggi mantengono intatti il prestigio e l’autorevolezza della loro funzione – ha detto il presidente del Consiglio regionale -. La nostra comunità lo percepisce sia per il lavoro che l’Arma svolge quotidianamente al fine di riaffermare la legalità, la sicurezza e i diritti dei cittadini, sia per il lealismo sempre dimostrato nei confronti dello Stato”.
    L’occasione ha consentito anche al colonnello Fiano, che sta per assumere un nuovo incarico alla Regione Carabinieri Sicilia, di accomiatarsi dal massimo rappresentante dell’Assemblea legislativa calabrese. Il presidente Bova, da parte sua, ha evidenziato “lo straordinario impegno, coronato da ottimi risultati investigativi, che Fiano ha profuso a favore del territorio della provincia di Reggio nei quattro anni trascorsi alla guida dell’Arma territoriale. Al comandante rivolgiamo un ringraziamento vero, non di maniera, perché nel rispetto delle prerogative di ognuno ha dimostrato di avere a cuore le sorti della nostra terra. In questo senso non è azzardato dire che il colonnello Fiano è davvero un calabrese come noi”.