• Home / CITTA / Catanzaro, uno studente propone di annullare numero chiuso

    Catanzaro, uno studente propone di annullare numero chiuso

    Il ministro Mussi chiede al rettore dell'Universita' di Catanzaro di annullare i test per l'ammissione ai corsi a numero chiuso di Medicina, per le irregolarita' che sono emerse, e la riposta del prof. Francesco Saverio Costanzo e' immediata: la prova sara' ripetuta. La decisione, pressoche' scontata, suscita il commento improntato ''a grande amarezza'' di A.B., uno studente che aveva svolto la prova rispettando in pieno le regole. ''Capisco che debba essere garantito le legalita' e la trasparenza – dice A.B. – ma il danno che subisce chi come ha sostenuto correttamente la prova e' grave''. La rabbia di A.B. deriva anche dal fatto che le risposte che ha dato ai quiz gli avrebbe consentito di superare ampiamente la prova. ''Sostenere un nuovo test – dice – e' sempre un rischio anche perche' le domande sono estremamente varie e complicate. E poi non e' detto che l'esito della nuova prova sia lo stesso di quella precedente''. Secondo lo studente, ''forse e' arrivato il momento, dopo quanto e' successo, di annullare il numero chiuso nelle facolta'. In questo modo – dice – si garantirebbe il diritto allo studio per tutti''. Il rettore dell'Universita' di Catanzaro ha accolto con grande soddisfazione la richiesta del ministro Mussi di annullare i test di ammissione. ''Di fronte all'invito che ci e' stato rivolto dal ministro – ha detto il prof. Costanzo – non possiamo che agire di conseguenza. Quando abbiamo segnalato a Mussi ed all'autorita' giudiziaria le irregolarita' che abbiamo riscontrato lo abbiamo fatto nel segno della trasparenza e della legalita'. Ed e' su questa linea che intendiamo proseguire''. Costanzo si e' detto convinto che ''dalla vicenda dei test di ammissione il sistema universitario esce rafforzato perche' ha dimostrato di avere in se' gli strumenti necessari per fronteggiare situazioni cosi' delicate. Aspetto adesso di avere notizie piu' precise e di concordare con il Ministero quando e come ripetere i test. La linearita' del nostro comportamento, peraltro, e' dimostrata dal fatto che il ministro Mussi ci ha voluto ringraziare per il comportamento tenuto dall'Universita' di Catanzaro in questa complessa vicenda''. L'annullamento dei test riguarda tutti i corsi a numero chiuso. Non solo medicina, dunque, ma anche odontoiatria e veterinaria. Nessuna eccezione, dunque, per avere la massima garanzia sul rispetto delle regole per tutti i corsi. Comincia a muovere i primi passi concreti, intanto, l' inchiesta avviata dalla Procura della Repubblica di Catanzaro sui presunti illeciti illeciti che ci sarebbero stati nello svolgimento dei test di ammissione. Il pm Salvatore Curcio ha avviato le deposizioni delle persone informate sui fatti sentendo per prima la professoressa Maria Pavia, presidente di una delle tre Commissioni nominate per lo svolgimento delle prove, che aveva segnalato al rettore le anomalie rilevate nei plichi per lo svolgimento dei test. Nel corso della deposizione la professoressa Pavia ha confermato di avere constatato la mancanza di tre questionari, rispetto a quanto contenuto nel verbale di consegna, dai plichi inviati all'Universita'. Curcio tentera' adesso di accertare chi e' stato a sottrarre i questioni dai plichi ed in che mani sono finiti. (ANSA).