• Home / CITTA / Catania: gettò moglie dal balcone, assolto perchè pazzo

    Catania: gettò moglie dal balcone, assolto perchè pazzo

    Per avere scaraventato la moglie dal balcone di casa un uomo e' stato processato per tentato omicidio e, alla fine, e' stato prosciolto perche' una perizia lo ha dichiarato incapace di intendere al momento del fatto. L'imputato, Mohamed Idaaf, marocchino, 28 anni, dovra' pero' restare per ventiquattro mesi in un ospedale psichiatrico giudiziario, fino a nuovi accertamenti sulle sue condizioni. L'episodio, avvenuto a Torino, risale al 9 giugno 2005 ed e' stato l'ultimo litigio fra Idaaf, venditore ambulante di spugnette, e ventiduenne Antonella Trovato, originaria della provincia di Catania. Secondo la prima ricostruzione degli investigatori, il marocchino non era nuovo a simili intemperanze, ma la giovane donna, che riporto' lesioni giudicate guaribili in novanta giorni, quando venne interrogata prese le difese del marito (''Lui e' geloso, pero' ci vogliamo bene''), aggiungendo addirittura di essere caduta dal balcone solo perche' inciampata nel cane durante una discussione. Parole che contrastavano con quanto lei stessa scriveva nel proprio diario, e che gli inquirenti ritennero frutto di grande amore o grande paura. La sentenza e' stata pronunciata dal gup Roberto Arata. A sostenere l'accusa c'era il pm Antonio Malagnino. Oggi Idaaf e' ospite in una struttura di Reggio Emilia. (ANSA).