• Home / CITTA / Caso De Magistris, Mastella: “Trasferimento proposto da ispettori”

    Caso De Magistris, Mastella: “Trasferimento proposto da ispettori”

    mastellaclementeCon riferimento alle diverse ricostruzioni relative al procedimento che ha condotto alla decisione del ministro della Giustizia Clemente Mastella del 21 settembre scorso di esercitare l'azione disciplinare e richiedere il trasferimento del procuratore della Repubblica di Catanzaro dottor Lombardi e del sostituto dottor De Magistris, la portavoce del ministro della Giustizia Clemente Mastella precisa quanto segue: ''Gli


    accertamenti ispettivi disposti dal ministro sui magistrati della Procura della Repubblica di Catanzaro sono durati cinque mesi e sono stati svolti dal capo e dal vicecapo dell'Ispettorato generale del ministero e da tre magistrati ispettori, i quali, all'esito, hanno concordemente proposto al ministro l'esercizio dell'azione disciplinare e il trasferimento cautelare nei confronti dei dottori Lombardi e De Magistris per una serie di illeciti''. ''La relazione finale dell'equipe ispettiva depositata l'8 settembre scorso e' stata immediatamente trasmessa, come per prassi, al Dipartimento per l'organizzazione giudiziaria e, esaminata la documentazione, la competente direzione generale del Dipartimento ha condiviso in gran parte le proposte dell'Ispettorato generale anche con riferimento alla necessita' di richiedere con urgenza il trasferimento cautelare di entrambi i magistrati. Sulla base di tali convergenti proposte -sottolinea la portavoce del Guardasigilli- il ministro ha doverosamente assunto le conseguenti iniziative relativamente alle fattispecie per le quali vi era stata una concorde valutazione da parte delle due strutture tecniche a cio' deputate''. ''Il ministro-conclude la portavoce- conferma altresi' che mai ha fatto affari. Mai e' appartenuto a comitati o logge di nessun tipo e che ogni sua condotta e' stata sempre improntata alla massima correttezza e non ci sara' mai intercettazione o indagine giudiziaria che potra' provare il contrario''. (Adnkronos)