• Home / CITTA / Azione Giovani propone il “mercatino del libro usato”

    Azione Giovani propone il “mercatino del libro usato”

    Oggi, presso la sede centrale di Azione Giovani, una rappresentanza di
    Azione Studentesca e del Circolo della Libertà "Il Caminetto", ha
    tenuto una conferenza stampa, per quanto concerne l'iniziativa del
    "Mercatino del libro usato", che dal 7 al 12 Settembre, si occuperà
    della raccolta dei libri, e dal 13 al 21, proseguirà con la vendita,
    il tutto presso la sede del Circolo della Libertà, sito in Via Acri 11
    (accanto la libreria giuridica), dalle ore 16 alle ore 19, per venire
    incontro alle esigenze degli studenti, che si accingono ad iniziare un
    nuovo anno scolastico e  migliorare le loro condizioni, relative a
    questi aumenti.
    Sono intervenuti: Roberta Riso e Maria Luisa Rossello, Responsabili
    dell'iniziativa, per conto del movimento di Azione Studentesca, Tullio
    Iaria ed Antonio Ielo, in qualità di Presidente e Segretario del
    Circolo della Libertà.
    Roberta Riso, ha sottolineato "l'esigenza di scendere in campo per
    affermare il nostro dissenso nei confronti delle case editrici che
    arbitrariamente aumentano il prezzo dei libri annualmente e
    trasformano quello che è il nostro diritto allo studio, in un prezzo
    che è sempre più difficile da sostenere".
    Maria Luisa Rossello, ha sottolineato che "l'iniziativa per
    contrastare il caro libro, quest'anno diviene maggiormente importante,
    poiché anche l'Antitrust, ha chiesto alla Guardia di Finanza, di
    indagare sull'andamento dei prezzi dei libri di testo, negli ultimi
    tre anni, in otto grandi città, come: Roma, Milano, Napoli, Palermo,….
    Dopo tale verifica, l'Antitrust, deciderà se aprire o meno, una
    pre-istruttoria sui prezzi dei libri, denunciati pochi giorni fa da
    alcune associazioni di consumatori".
    Antonio Ielo, ha fatto presente come "le spese scolastiche siano
    aumentate del 12,4% rispetto il 2006, con una spesa totale che in
    media si aggira attorno ai 320€ a studente, spesa che diventa
    insostenibile per le famiglie, soprattutto per quelle meno abbienti,
    che non ricevono i necessari aiuti dalle Istituzioni".
    Tullio Iaria, ha rimarcato quanto "per il nostro Circolo sia
    importante quest'iniziativa, per sensibilizzare e creare un movimento
    di ampia portata che sappia dare risposte a tutti i soggetti che ne
    vorranno far parte".