• Home / CITTA / A3, Scopelliti: “Così isolano Reggio”

    A3, Scopelliti: “Così isolano Reggio”

    "Una grande strafottenza e menefreghismo" rispetto ai disagi che vengono causati alla popolazione. Un piano che inoltre "taglia fuori la mia citta'". La citta' e' Reggio Calabria, chi critica il piano di chiusura di un tratto dell'A3 per consentire la realizzazione di una nuova carreggiata e' il sindaco Giuseppe Scopelliti. "Cosi' isolano la citta'", ripete al VELINO l'esponente di An, preoccupato per le ricadute sul settore turistico, oltre agli evidenti disagi per la mobilita' cui andranno incontro centinaia di persone, "milioni se si considera anche la Sicilia". Disagi che hanno visto accomunati nella protesta calabresi e siciliani, esponenti di entrambi gli schieramenti e sindacati. "Il problema e' che il governo ha detto di no al ponte – spiega il primo cittadino -, ha detto di no anche all'alta velocita'. E allora, dov'e' la strategia? Per quanto tempo ancora saremo in questa situazione", si chiede provocatoriamente Scopelliti, che non rinuncia alla polemica con il governo, pur sostenendo che la questione non riguarda l'appartenenza politica. "A un piano del genere diro' sempre di no", chiarisce il sindaco di Reggio Calabria, per cui si e' davanti a "un'emergenza nazionale". Emergenza cui il governo sembra pero' non aver risposto adeguatamente o tenendo conto delle esigenze del territorio. "Il problema e' che siamo davanti a scelte strategiche fallimentari – denuncia -, nessuno ha per esempio pensato a una task force di intervento, attraverso cui capire e alleviare i disagi". Ma Scopelliti va oltre, preannunciando una seconda fase, che vedra' la chiusura a gennaio di alcuni svincoli della tangenziale di Reggio Calabria. Anche in questo caso senza alternative credibili e fattibili. "Queste cose – commenta infine piccato – si programmano due anni prima". La bocciatura e', manco a dirlo, netta. (Velino)