• Home / CITTA / San Luca, Gratteri: “Nelle indagini non si può andare ad orologeria”

    San Luca, Gratteri: “Nelle indagini non si può andare ad orologeria”

    Manca ancora molto, c'e' molto da fare e da lavorare, ma lo stiamo gia' facendo". Lo ha detto il sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Nicola Gratteri, commentando con i giornalisti l'operazione di oggi a San Luca e nel comprensorio. "Molti di questi protagonisti della faida di San Luca – ha aggiunto Gratteri – sono ora in carcere ed hanno l'opportunita' di riflettere e ragionare e di iniziare le mediazioni fra i due blocchi di famiglie in lotta". Alla domanda se l'operazione di oggi fosse stata fatta prima di ferragosto avrebbe potuto evitare la strage di Duisburg, il magistrato ha risposto che "nessuno ha la sfera di cristallo. Le indagini si fanno e si chiudono, tirando la rete, quando ci sono prove, e si fermano quando si arriva ad un punto morto nell'acquisizione delle prove. Non e' che possiamo andare ad orologeria". (AGI)