• Home / CITTA / Reggio, Rifondazione dice “no” a centrale carbone a Saline

    Reggio, Rifondazione dice “no” a centrale carbone a Saline

    Il capogruppo di Rifondazione Comunista al Consiglio Provinciale di Reggio Calabria, Omar Minniti, si dice contrario, alla costruzione ''di una centrale a carbone a Saline Joniche'', perche', spiega in una dichiarazionel, ''il 'carbone pulito', non esiste. E' solo un mito costruito da fautori di un modello di produzione energetica che fa parte dell'archeologia industriale''. Minniti propone che si lavori da subito per avanzare soluzioni alternative ed ecocompatibili. Che, per restare nel campo della produzione energetica, potrebbero riguardare le fonti rinnovabili e pulite, quale ad esempio l'energia solare ed avrebbero le medesime ricadute in termini di crescita occupazionale. In particolare, Minniti chiede che ''l'Amministrazione provinciale e il Presidente Giuseppe Morabito prendano una posizione netta contro l' incubo del carbone e fungano da raccordo per tutte le istituzioni che si opporranno al progetto. La Provincia puo' recitare, infatti, un ruolo chiave per impedire che l'opera si concretizzi, visto che tra le sue competenze vi e' il rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale necessaria per la costruzione''. Anche i giovani comunisti, attraverso il loro portavoce, Giovanni Maiolo si dicono contrari alla costruzione della centrale ed invitano ''la giunta regionale, a cui va riconosciuto di essere riuscita a dire di no allo scempio ambientale di Europaradiso, ora deve intervenire e chiediamo al Presidente Loiero di prendere posizione contro la costruzione della centrale a carbone''. (Adnkronos)