• Home / CITTA / Raso: “Per i rom il 10 agosto è il termine ultimo”

    Raso: “Per i rom il 10 agosto è il termine ultimo”

    “Dopo l’incontro di qualche giorno addietro, l’Opera Nomadi, che aveva assunto impegni precisi con l’Amministrazione Comunale, non è ancora riuscita a mantenere tali promesse”. Lo afferma l’assessore comunale al Patrimonio Edilizio ed alle Politiche Abitative Michele Raso il quale altresì precisa: “Era stata la stessa Opera Nomadi, insieme ai rappresentanti delle famiglie Rom, interessate dalla delocalizzazione e tra l’altro presenti con i loro rappresentanti alla riunione, a rendersi soggetto protagonista nell’individuazione di alloggi ritenuti idonei alle esigenze degli abitanti dell’ex 208: case che potessero rispondere a determinati canoni, dando vita all’ennesima richiesta, anche questa volta accolta da Palazzo San Giorgio”.
    “Questa mattina – prosegue Raso – infatti, abbiamo ricevuto un fax della sezione provinciale dell’Opera Nomadi presieduta da Giacomo Marino, documento tramite il quale si informava l’Amministrazione dell’impossibilità di fornire un elenco degli appartamenti da acquistare o prendere in locazione per conto del Comune”.
    “Tutto ciò – dichiara l’assessore – suggerisce una riflessione: la stessa Amministrazione ha sempre dato ampia disponibilità alle famiglie Rom nell’ambito del patrimonio edilizio di cui dispone. Questa spiegazione, che mai è stata accettata dall’Opera Nomadi che tali famiglie, appunto, rappresenta, è la medesima che oggi l’Associazione fornisce al Comune chiedendo, viste le difficoltà di trovare alloggi, di prolungare di otto giorni i termini fissati nella riunione avuta con il sindaco Giuseppe Scopelliti”.
    “L’Amministrazione – conclude Raso – dunque, contrariamente a quanto dichiarato più volte dagli interessati, e cioè che il Comune non intende instaurare un dialogo costruttivo con i Rom, viene incontro, ulteriormente, alle loro richieste. Certamente non sarà possibile attendere oltre la mattinata di venerdì 10 agosto, termine ultimo entro il quale Palazzo San Giorgio, qualora non dovesse pervenire un’adeguata risposta, proseguirà negli ‘step’ previsti dal programma”.  (ROTO SAN GIORGIO)