• Home / CITTA / Ma c’è tutto nella relazione della Commissione Antimafia del 2000…

    Ma c’è tutto nella relazione della Commissione Antimafia del 2000…

    ndranghetaduisburgMa chi l'ha detto che tutte le attività politiche di contrasto alla 'ndrangheta siano miopi?
    In qualche caso ci vedono benissimo, solo che poi non si dà seguito a quanto scritto e sottoscritto.
    Andiamo con ordine: correva l'anno 2000 e la Commisione Nazionale

    Antimafia, presieduta da Giuseppe Lumia, presentò in Parlamento una corposa relazione sull'attività delle cosche calabresi.
    Alcuni passaggi sono illuminanti ed è agghiacciante l'inerzia politica che ne è derivata:
    "In passato ci sono state certamente sottovalutazioni che non hanno permesso di cogliere in tutta la sua gravità il problema della criminalità calabrese…oggi è non solo necessario, ma anche possibile, uscire dallo stereotipo duro a morire di un fenomeno tipico dell'arretratezza, di un'organizzazione rozza ed arcaica, rinchiusa in Calabria
    o perfino solo in Aspromonte…" è scritto a pagina 14 e 15.
    E ancora: "La 'ndrangheta si presenta come un'organizzazione molto ramificata in Calabria e con un forte radicamento al Nord ed al di fuori dei confini nazionali, in Australia, nei Paesi dell'Est, in Europa, in Canada ed in America latina".
    Già sette anni addietro il più autorevole organismo antimafia del Paese sottolineava come "…oltre alla questione degli organici dei magistrati, nel corso delle audizioni è stato sottolineato quanto e come sia carente anche la struttura organizzativa e amministrativa".
    Un dato, extra-tecnico, ma assai significativo della necessità di consenso sociale del quale
    la 'ndrangheta ha comunque bisogno sui territori per proliferare viene indicato nella relazione nella parte in cui riporta l'intercettazione di una conversazioe intercorsa tra due boss, uno di San Luca e l'altro di Locri. Il primo rimprovera il secondo: "Ma lo sapete perchè sono venuto qua? State attenti che quando l'umanità, quando il popolo vi va contro perdete quello che avete fatto in questi trent'anni! Lo perdete…quando si spara alla saracinesca,
    a quello gli bruciano la macchina, a quello un'altra cosa, il popolo incomincia a ribellarsi"…

    www.giusvabranca.com