• Home / CITTA / Loiero: “In Consiglio Regionale non ci sono 30 indagati”

    Loiero: “In Consiglio Regionale non ci sono 30 indagati”

    La lotta alla criminalita' e' un compito dello Stato, una regione povera come la nostra non puo' fare molto contro la criminalita". Lo ha detto il presidente della Regione Calabria Agazio Loiero intervenendo a Radio 24 alla trasmissione 'Viva Voce'. "Abbiamo trovato una situazione drammatica quando ci siamo insediati. Nessuno ne parla, ma c'e' un attacco giornaliero a tutti gli amministratori comunali che sono vessati, violentati, ricevono spari alle finestre", ha proseguito Loiero secondo il quale "dopo le stragi di mafia in Sicilia la luce e' andata tutta la', c'e' stata una certa disattenzione dello Stato verso di noi. Cosi' nel silenzio omertoso tipico della Calabria, con lo scoraggiamento del pentitismo in questi anni e' cresciuta a dismisura la 'ndrangheta, fuori da qualunque controllo". Cosa ha fatto in questi anni la regione per contrastare la criminalita'? "Noi ci siamo costituiti parte civile in tutti i processi di 'ndrangheta", ha risposto ai microfoni di Radio 24 il governatore Loiero. Inoltre, "avendo consapevolezza che esiste un problema di immagine, il Consiglio regionale ha integrato il regolamento consiliare e ha stabilito la revoca di tutte le nomine e gli incarichi assembleari di secondo livello per condanne penali non definitive". Una norma che secondo Loiero "non ha nessun Consiglio regionale e men che meno nessun parlamento in Europa. Abbiamo fatto passare con voto unanime la decadenza automatica anche nel solo caso di rinvio a giudizio per reati di tipo mafioso". Quanto alla presenza di inquisiti all'interno del Consiglio regionale calabrese, Loiero ha detto a Radio 24: "Non penso ci siano all'interno del Consiglio regionale 30 indagati. Lo escludo in maniera assoluta. E in ogni caso si tratta di indagini in cui l'avviso di garanzia e' a tutela dell'indagato. Credo che ci siano al massimo una o due persone indagate nel Consiglio regionale per fatti concernenti questa amministrazione di centrosinistra". (AGI)