• Home / CITTA / Incendi, Lav: “Revocare stagione venatoria in zone colpite”

    Incendi, Lav: “Revocare stagione venatoria in zone colpite”

    Revocare la stagione venatoria nelle regioni Abruzzo, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia e Basilicata, particolarmente interessate dai devastanti fenomeni incendiari di questa estate: questa la richiesta che la LAV ha formalmente avanzato in una lettera spedita a tutti i Presidenti e Assessori alla caccia delle regioni del centro-sud Italia colpite dagli incendi, con la quale l'associazione chiede che siano usati i poteri che la Legge nazionale sulla tutela della fauna selvatica (157/92), delega ai presidenti delle regioni. Solo loro, infatti, hanno la facolta' di ritardare l'apertura della stagione venatoria, arrivando fino alla sospensione della stessa, in considerazione dei gravi danni che possono subire le specie cacciabili di animali selvatici. "Nelle regioni devastate dagli incendi – scrive la LAV in una nota – le popolazioni di animali selvatici hanno subito danni gravissimi sia a causa della distruzione dell'habitat, sia per l'altissimo numero di individui periti tra le fiamme. La stagione venatoria, che a brevissimo si aprira' in tutta Italia, rischia ora di dare il colpo di grazia a tutte quelle specie che potranno essere legalmente abbattute dai cacciatori. Ci aspettiamo che questa richiesta sia supportata anche dagli stessi cacciatori – dichiara Massimo Vitturi, responsabile LAV del settore caccia e fauna selvatica – i quali non perdono occasione per dichiarare, a parole, di essere i veri ambientalisti, amanti della natura e degli animali. Ora hanno l'occasione di dimostrarlo con i fatti. Le associazioni venatorie non possono non condividere questa richiesta dettata dal buon senso". (AGI)