• Home / CITTA / Duisburg, il pm Gratteri: “Positivo vertice italo-tedesco”

    Duisburg, il pm Gratteri: “Positivo vertice italo-tedesco”

    Il vertice italo-tedesco a Reggio Calabria e' stato ''positivo'' secondo il sostituto procuratore antimafia di Reggio Calabria, Nicola Gratteri. Alla riunione, in prefettura, ha partecipato una delegazione di investigatori tedeschi impegnati nelle indagini sulla strage di Duisburg, guidata dal direttore del BundesKriminalAmt, Jorg Ziercke, affiancato dal direttore del dipartimento per la Criminalita' organizzata del Bka, Jurgen Maurer, gli investigatori italiani impegnati nelle indagini, il prefetto Franco Musolino, il direttore centrale della Polizia criminale, Nicola Cavaliere, il direttore centrale anticrimine, Francesco Gratteri, i responsabili dei Servizi investigativi centrali di Polizia (Sco), Francesco Gratteri, e Carabinieri (Ros), Giampaolo Ganzer, e funzionari dell'Interpol di Roma. Massimo riserbo degli inquirenti sui temi al centro del vertice. Gratteri si e' limitato a dire che ''c'e' massima collaborazione, che ci sara' uno scambio di dati e di informazioni, che ci saranno scambi di polizia giudiziaria e che lavoreranno insieme gruppi di lavoro misti Italia e Germania''. Per quanto riguarda l'operazione che ha portato al fermo di 40 persone considerate vicine ai clan dei Vottari-Pelle e Nirta-Strangio, coinvolti nella faida di San Luca, Gratteri ha detto che ''e' andata bene''. ''E' il risultato di una serie di intercettazioni telefoniche, ambientali e pedinamenti – ha aggiunto – Un'indagine classica che ha dimostrato una forte collaborazione tra Polizia e Carabinieri''. Il decreto di fermo e' composto da circa 800 pagine. ''E' stata ricostruita la storia della 'ndrangheta dalle origini ad oggi'', spiega Gratteri, ''nonche' il contesto storico giudiziario, con tutti i riscontri possibili sugli indagati di un gruppo e dell'altro''. Abbiamo ricostruito – conclude – i vari episodi della faida di San Luca, partendo dal lancio delle uova, fino alla strage di Natale del 2006 individuando gli autori dell'uccisone di Maria Strangio''. (Adnkronos)