• Home / CITTA / Regione, la IV commissione approva pdl per vigilanza ecologica

    Regione, la IV commissione approva pdl per vigilanza ecologica

    La quarta Commissione consiliare, “Assetto e utilizzazione del territorio – Protezione dell’Ambiente”, presieduta da Francesco Sulla, ha approvato, con il coordinamento formale, il progetto di legge di iniziativa della Giunta regionale sul “Servizio di vigilanza Ecologica-Guardie ecologiche Volontarie”, di cui è relatore il consigliere Egidio Chiarella.
    “La Calabria – ha detto il relatore – deve prestare la massima attenzione per la salvaguardia dell’ambiente considerato parte integrante della politica di sviluppo in uno scenario caratterizzato sempre più dalla scarsità di risorse naturali disponibili. La Regione Calabria, in attuazione del suo Statuto, riconosce con questo progetto di legge la funzione del volontariato per la salvaguardia dell’ambiente e ne favorisce l’azione per diffondere la conoscenza ed il rispetto dei valori ambientali. Com’è purtroppo noto – conclude Chiarella –  l’ambiente e gli animali sono indifesi dall’aggressività dell’uomo che, statisticamente, non viene educato culturalmente a rispettarli ed a convivere con loro senza danneggiarli. L’istituzione del servizio di volontariato di vigilanza ecologica è dunque una ulteriore occasione per la tutela del patrimonio naturale della Calabria”.
    La quarta Commissione, inoltre, ha approvato la proposta di provvedimento amministrativo di iniziativa dei consiglieri Borrello, Naccari Carlizzi, Nucera e Sarra che modifica “la parte I° cap.VII punto 7.2 delle Linee guida (Legge Urbanistica) approvate dal Consiglio regionale lo scorso 10 ottobre 2006. “In sostanza – ha detto il presidente della commissione, Francesco Sulla, la modifica salvaguarda i Comuni che hanno acquisito programmi di fabbricazione fino al sessantesimo giorno dell’entrata in vigore delle Linee Guida. Gli enti interessati avranno dodici mesi di tempo dall’entrata in vigore delle nuove disposizioni per concludere l’iter amministrativo attraverso l’atto conclusivo della stipula della Convenzione”. 
    L’organismo, nel prosieguo dei lavori, ha audito i rappresentanti del Movimento civico “No alla discarica”, di Crotone, che hanno esposto il loro dissenso all’ampliamento dell’impianto esistente, ed i rappresentanti del movimento contro il raddoppio del termovalorizzatore della Piana di Gioia Tauro. Infine, in vista dell’approvazione della nuova legge sulle politiche abitative in Calabria e sul riordino delle attività degli enti operanti nel settore dell’edilizia residenziale pubblica, la quarta Commissione ha concluso i propri lavori ascoltando le proposte ed i suggerimenti delle rappresentanze di LegaCoop Calabria, Ance, Ania e Sunia.