• Home / CITTA / Scopelliti sullo sciopero generale

    Scopelliti sullo sciopero generale

    “La decisione di scendere in piazza assunta dai sindacati, che spesso hanno accettato la via del confronto, conferma che la situazione in Calabria è davvero drammatica”. Lo afferma il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Scopelliti in una nota diffusa dall’ufficio stampa di palazzo San Giorgio. “Questa situazione – si legge – viene avvertita non solo dalle istituzioni e dai cittadini, ma è evidenziata da importanti indicatori della realtà socio-economica del Paese, e calabrese in particolare. Significativi, a tal proposito, sono i dati forniti di recente dalla Banca d’Italia, che sottolineano quanto sia difficile il momento che sta attraversando la nostra regione. Lo sciopero di domani, che dal punto di vista delle  relazioni sindacali  segna un fatto storico di straordinaria portata con il superamento del fronte triplicistico, dovrà rappresentare l’avvio di un dibattito a trecentosessanta gradi e coinvolgere gli attori che operano sul territorio: dalle istituzioni al sindacato, dalle forze imprenditoriali e quelle culturali, dall’associazionismo al mondo delle professioni. Solo così la nostra Regione sarà in grado di scrivere una pagina nuova nella difficile strada del riscatto sociale, delle  nuove possibilità occupazionali e dello sviluppo di una terra che da tanto, troppo tempo, attende un’inversione di tendenza e non vuole sentirsi più emarginata nell’ambito dell’Unione Europea”.
    Il Sindaco di Reggio evidenzia poi “che lo sciopero, giusto perché con esso viene richiamata la necessità di coesione di tutte le componenti della società calabrese, non può essere soltanto una rappresentazione di forza. Piuttosto, questa mobilitazione dovrà essere uno strumento per chiarire, una volta per sempre, che solo con la partecipazione di tutti, ognuno per la parte di propria competenza, sarà possibile diventare artefici reali del futuro della Calabria”. (ROTOSANGIORGIO)