• Home / CITTA / “Why not”: da Adamo e dalla moglie partono le querele

    “Why not”: da Adamo e dalla moglie partono le querele

    "La lettura delle dichiarazioni rese da due testimoni, nell'ambito della inchiesta giudiziaria che ci vede immotivatamente coinvolti, ci convince ancor piu' della approssimazione investigativa che caratterizza l'inchiesta, oltreche' di un non legittimo interesse dell'accusa". Lo affermano il vice presidente della giunta regionale calabrese , Nicola Adamo (Ds) e la moglie Enza Bruno Bossio, in merito all'inchiesta della procura di Catanzaro su presunte irregolarita' nella gestione di fondi pubblici. "La palese calunniosita' delle dichiarazioni richiamate – si legge in una nota – ci ha indotto a dare mandato, allo studio dell'avv. Franco Sammarco, di sporgere immediata denuncia-querela nei confronti dei falsi testimoni, per le ipotesi di calunnia e di diffamazione in nostro danno". (AGI)