• Home / CITTA / “Why not”: associazioni massoniche anche all’estero

    “Why not”: associazioni massoniche anche all’estero

    ''Le indagini effettuate dalla Procura della Repubblica di Catanzaro hanno fatto emergere anche che, per offrire un apparente schermo di legalita' ed anche per consolidare i rapporti, di tipo pure massonico, tra i soggetti, venivano costituite associazioni e fondazioni operanti soprattutto all' estero''. E' quanto scrive il sostituto procuratore di Catanzaro Luigi De Magistris nel decreto di perquisizione emesso nell' inchiesta sul Comitato d' affari riportando atti dell'inchiesta Poseidone che presenta punti di connessione con l' indagine che ha portato ai provvedimenti di ieri. ''E' questo il caso – aggiunge De Magistris – dell' Osservatorio del Mediterreneo in cui si e' ricostruito un solido legame tra Fabio Schettini e l' ex ministro Frattini, attuale commissario europeo a Bruxelles, ed in cui e' confluito denaro illecito nella disponibilita' dello stesso Schettini, persona incaricata di raccogliere denaro per conto di Forza Italia. Legame di tipo affaristico che si consolida attraverso la costituzione dell' Istituto per il turismo nel sud attraverso la Nuova Merchant spa, con il supporto della Banca Nuova spa, con sede a Palermo, che ha un ruolo proprio nell' Osservatorio del Mediterraneo. E' questo il caso – scrive ancora il magistrato – della Free Foundation for research on European Economy, in cui assume un ruolo l' on. Brunetta, consigliere economico dell' ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, e dove compare Stefano Torda, gia' coinvolto in indagini aventi ad oggetto proprio il settore dei finanziamenti pubblici nonche' persona legata all' attuale coordinatore regionale della Calabria di Forza Italia, Giancarlo Pittelli''. (ANSA)