• Home / CITTA / Operazione “Why not”, per Ospedale Vibo soldi all’Udc?

    Operazione “Why not”, per Ospedale Vibo soldi all’Udc?

    L' affidamento dell' appalto per la realizzazione del nuovo ospedale di Vibo Valentia, i cui lavori sono stati soltanto avviati, sarebbe stato pilotato dall' ex assessore alla Sanita' della Regione Calabria, Gianfranco Luzzo, che avrebbe ottenuto in cambio un finanziamento al suo partito di appartenenza dell'epoca, l' Udc. E' quanto ha riferito, nel corso di una deposizione ai carabinieri, Antonina Camuti, segretaria della Direzione generale dell' Asl di Vibo Valentia. Il verbale della deposizione di Camuti e' allegato al decreto di perquisizione emesso dal sostituto procuratore di Catanzaro Luigi De Magistris nell' inchiesta sulla presunta gestione illecita di finanziamenti pubblici che vede come indagato anche l' ex assessore Luzzo. Secondo De Magistris, l' inchiesta condotta dalla Procura di Vibo Valentia sull' appalto per il nuovo ospedale ''conferma che in Calabria gli intrecci affaristici tra politica, imprenditoria, massoneria e poteri occulti rappresentano, ormai, un sistema collaudato, con radicati e consolidati rapporti a Roma. Emerge, cosi', la spartizione del denaro pubblico, il finanziamento ai partiti, il ruolo di lobby e poteri occulti deviati''. Camuti fa riferimento ad un viaggio a Roma fatto in occasione del Forum della pubblica amministrazione cui partecipo' anche l' ex commissario straordinario dell' Asl Santino Garofalo. ''Un giorno – racconta Antonina Camuti – mi trovai con i colleghi e ci raggiunse il dott. Garofalo ed insieme siamo passati da via dei Due Macelli, dove c' e' la sede centrale dell' Udc. Garofalo mi ha raccontato addirittura che lui, quella mattina, era li' presso la sede dell' Udc e c' era pure l' ing. Liso''. Liso e' uno degli amministratori del consorzio di imprese aggiundicatario dell' appalto dei lavori. ''Incontrandomi con l' attuale direttore generale, Crupi – dice ancora Antonina Camuti – ho riferito di avere visto Liso alla sede dell' Udc e mi ha riferito che si erano incontrati con lui ed a sua volta l' ing. Liso ha riferito al dott. Crupi di avere dato circa trecento milioni di ex lire al partito dell' Udc''. (ANSA).