• Home / CITTA / Fortugno: Cassazione conferma carcere duro per Marcianò

    Fortugno: Cassazione conferma carcere duro per Marcianò

    Giuseppe Marciano' – ritenuto insieme con il padre Alessandro il mandante dell'omicidio del vicepresidente della Regione Calabria Francesco Fortugno – rimane sottoposto al 'carcere duro'. Lo ha deciso la Cassazione – con la sentenza 23933 relativa alla camera di consiglio svoltasi lo scorso 23 maggio – che ha rigettato il reclamo contro il "regime detentivo speciale" presentato dallo stesso Marciano'. Ad avviso della Suprema Corte correttamente il Tribunale di sorveglianza dell'Aquila – con ordinanza dello scorso 12 dicembre – ha ritenuto ancora persistenti gli indizi sulla elevata pericolosita' del detenuto dal momento che, in base ad intercettazioni, risulta che Marciano' era in grado di "trattare l'acquisto e la cessione di un numero impressionante di armi da guerra" e che la rete di malviventi di cui faceva parte non e' stata mai "individuata ne' sgominata". In pratica, e' forte il rischio che, qualora gli venisse applicato un regime detentivo piu' attenuato, possa riprendere "contatti con i suoi fornitori" e inviare comunicazioni all'esterno. Lo scorso 30 maggio e' cominciato, innanzi alla Corte di Assise di Locri, il processo per l'uccisione di Fortugno. (Ansa)