• Home / CITTA / Vicenda-Espresso: Loiero chiede verifica tabulati

    Vicenda-Espresso: Loiero chiede verifica tabulati

    ''Apprendo, ancora una volta, non certo senza inquietudine, che la stampa, meglio l'Espresso, fosse a conoscenza molto prima dell'interessato di notizie che lo riguardano''. E' quanto afferma il presidente della Regione Calabria Agazio Loiero attraverso una nota del portavoce Pantaleone Sergi. ''Mi riferisco – aggiunge Loiero – alla mia iscrizione nel registro degli indagati da parte della procura di Catanzaro. Scrive, infatti, il settimanale che sono indagato da sabato scorso. Il particolare – fa notare Loiero – non e' di poco conto, visto che per lo stesso giorno ero stato convocato dal pm De Magistris per essere ascoltato come persona informata dei fatti. Nelle tre ore di colloquio non mi e' stato comunicato in alcun modo che la mia posizione stesse cambiando da testimone a indagato o fosse addirittura gia' cambiata quando la legge impone che l'esame del teste debba essere immediatamente sospeso con invito allo stesso di presentarsi assistito da un legale''. Secondo quando afferma Loiero l'iscrizione nel registro degli indagati gli e' stata comunicata nella settimana successiva. ''Allora – dichiara Loiero – delle due l'una: o l'Espresso scrive il falso, cosa che pretenderebbe una smentita, oppure scrive il vero e le valutazioni sarebbero ben diverse''. ''Sono convinto tuttavia – afferma ancora il presidente Loiero – che la procura di Catanzaro sara' in grado di chiarire questo punto visto che ha aperto un fascicolo sulla fuga di notizie. Io non colpevolizzo le agenzie di stampa che hanno diffuso questa e altre informazioni anche riservate. Mi stupiscono, pertanto, le perquisizioni nelle redazioni dei media che hanno ripreso notizie gia' note al settimanale romano. Forse sarebbe piu' utile una lettura dei tabulati telefonici dei terminali in partenza e in arrivo delle notizie per saperne di piu'''. (ANSA).