• Home / CITTA / Trasporti: domani blocco Stretto di Messina

    Trasporti: domani blocco Stretto di Messina

    Paralisi nei trasporti nello Stretto di Messina domani a causa dello sciopero dei marittimi Rfi che incroceranno le braccia dalle 9 di mattina alle 17. Lo sciopero è stato proclamato da Fit Cisl, Orsa, Sasmant, Sap e Filt Cgil. I lavoratori hanno fatto sapere che saranno garantiti comunque i servizi minimi. La decisione di scioperare giunge al culmine di una lunga e complessa vertenza, che i sindacati stanno combattendo ad ogni livello per evitare "l'ulteriore marginalizzazione dell'Area dello Stretto nelle dinamiche dei trasporti". "Soltanto con un servizio concorrenziale dal parte delle Fs – sostengono i sindacati – si piò evitare la corsa al ribasso del servizio, che si sconta in termini di qualità e soprattutto di sicurezza per lavoratori e passeggeri". Numerose le rivendicazioni contenute nel volantino sottoscritto dai lavoratori dall'evidente e "progressivo disimpegno delle Fs dallo Stretto che si manifesta con il mancato rinnovo di una flotta vetusta e ormai fuori mercato, alla carente e inadeguata manutenzione delle navi, il degrado e l'abbandono delle strutture, l'acquisizione di navi inadatte, la sciagurata politica del personale che ha demotivato e scoraggiato i lavoratori". E ancora il mancato "reintegro delle carenze d'organico con nuove assunzioni come previsto dal Contratto nazionale, l'abuso di lavoro straordinario per tappare i buchi, i continui atti unilaterali dell'azienda in aperta violazione delle norme contrattuali e degli accordi sindacali". I sindacati denunciano infine anche "l'atteggiamento rinunciatario verso il remunerativo mercato del gommato concretizzatosi con la riduzione delle corse settimanali programmate e con l'ingiustificato aumento del corso dei biglietti" e "il mancato adeguamento dell'offerta di corse da e per Reggio Calabria nonostante il notevole aumento dei passeggeri" e "la diminuzione delle corse da e per Villa S. Giovanni che di fatto determina l'interruzione della continuità territoriale nell'Area dello Stretto". (Apcom)