• Home / CITTA / Abete natalizio dalla Sila al Vaticano

    Abete natalizio dalla Sila al Vaticano

    Si sono concluse le operazioni per il
    taglio e il trasporto aereo del gigantesco abete bianco
    proveniente dalla Sila, in Calabria, che il 13 dicembre
    raggiungerà piazza San Pietro. Un'operazione spettacolare
    estremamente complessa: la pianta è stata prelevata da un
    elicottero del Corpo forestale dello Stato dal cuore di
    una foresta del Massiccio del Gariglione nella Sila, e portata a
    fondo valle dove sono tuttora in corso le operazioni per
    posizionarla su un autoarticolato con una gru.
    Ieri i Forestali
    avevano compiuto un primo tentativo, ma la nebbia e la
    pioggia avevano impedito all'elicottero di raggiungere il
    Gariglione.
    L'albero, un abete bianco (Albies alba) alto 34,60 metri – il più
    alto tra gli alberi di Natale donati allo Stato del Vaticano – e
    dal peso di circa 95 quintali, con una circonferenza di quasi tre
    metri, è stato individuato dagli esperti del Corpo Forestale
    dello Stato di Catanzaro in località "Cingoli" nel comune di
    Taverna, all'interno di una foresta del Massiccio del Gariglione
    nella Sila Piccola.
    Per individuare la pianta giusta i forestali
    hanno impiegato circa sette giorni.
    L'albero si trovava ai piedi del monte Gariglione a 1.350 metri
    di quota, a circa 12 chilometri dalla più vicina strada
    carrozzabile. Proprio questa distanza ha reso necessario
    l'impiego di un elicottero per il trasporto del grande abete.
    La scelta è caduta sull'elicottero Erickson S64F "Nuvola Rossa"
    del Corpo Forestale dello Stato, di base a Lamezia Terme.

    L'operazione di sollevamento e trasporto, tecnicamente logging, è
    stata definita "molto complessa" dagli esperti del Centro
    Operativo Aeromobili della Forestale sia per il peso che per le
    dimensioni dell'abete. Infatti l'Erickson, definito la gru dei
    cieli, ha una portata massima di 11.450 chili, molto vicina al
    peso della pianta, oltre 9 tonnellate. L'abete rimarrà a Cosenza
    fino all'11 dicembre, quando, sempre con la scorta dei Forestali,
    partirà alla volta di Roma. L'arrivo è previsto per la notte del
    12. (APCOM)