• Home / CITTA / Violenza sessuale di gruppo: individuati perchè uno di loro si vantava

    Violenza sessuale di gruppo: individuati perchè uno di loro si vantava

    Tre dei quattro ragazzi arrestati oggi dai carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria, per violenza sessuale nei confronti di una ragazza di 12 anni, hanno 14 anni, mentre un altro sedici; quest'ultimo e' stato rinchiuso nel carcere minorile di Catanzaro. Gli altri tre sono stati affidati a dei centri di prima accoglienza di Reggio Calabria e Catanzaro. La vittima, invece, viene assistita dal centro di tutela dei minori della citta' di Reggio Calabria. I quattro ragazzi frequentano le prime classi delle superiori. Sono stati posti in arresto su dei provvedimenti, emessi del giudice per le indagini preliminari del tribunale dei minori di Reggio Calabria, Augusto Sabatini, su richiesta del procuratore dello stesso tribunale, Carlo Macri', il quale ha coordinato il lavoro dei carabinieri del comando provinciale.
    I fatti per i quali sono stati inquisiti i quattro giovani risalgono allo scorso 7 novembre. E si sono verificati nel rione Modena, dove vivono i giovani protagonisti della violenza. Secondo quanto ricostruito i carabinieri i quattro giovani intorno alle 19, incontra la studentessa delle medie e il piu' anziano del gruppo, dopo averla agguantata per un braccio, la trascinata in un luogo isolato, dove con la forza e con le minacce, le usano violenza sessuale, consigliandola di non svelare a nessuno quanto aveva subito. Ma ad incastrare i quattro piu' che la vittima e' stato uno del branco che dopo qualche giorno dalla violenza si sarebbe vantato di aver posseduto quella ragazzina. L'indiscrezione viene raccolta da una amica della madre della giovane violentata che conferma la violenza subita. Da qui la denuncia ai carabinieri della stazione "Rione Modena" che hanno immediatamente avviato le indagini. Il lavoro dell'Arma, coordinato dalla Procura dei Minori, ha raccolto elementi in ordine alla colpevolezza dei quattro, che appartengono a famiglie del tutto normali. Solo uno degli arrestati e' figlio di un sorvegliato speciale. Ma il ragazzo, fino all'episodio della scorsa settimana, aveva sempre mantenuto un comportamento lineare. Tutti sono indagati di violenza sessuale di gruppo in danno di una dodicenne. (Adnkronos)