• Home / CITTA / Reggio, dissalatore alle porte

    Reggio, dissalatore alle porte

    sindacoAvviata la fase di start up del costruendo dissalatore, il Sindaco di Reggio Giuseppe Scopelliti ha effettuato un nuovo sopralluogo presso l’impianto. Con il primo cittadino erano presenti il vicesindaco Rizzica ed i consiglieri comunali Cutuli e Gatto. Ad oggi è stata completata ed attiva la parte di “rilancio” dell’acqua verso il partitore Trabocchetto ed è stata definita la filtrazione e la microfiltrazione del dissalatore. A questa fase seguirà quella del condizionamento chimico, della pressurizzazione ad alta pressione, dell’osmosi inversa e poi lo Nucara”. (ROTO SAN GIORGIO)
     


    scarico dell’acqua salata, per cui i tecnici prevedono che in tempi brevi l’impianto possa essere definitivamente ultimato per l’immissione in rete di acqua potabile. Secondo lo schema fornito dai tecnici, l’area servita dal dissalatore riguarderà oltre 40.000 abitanti, quattro le aree circoscrizionali interessate: la prima. centro storico, la seconda che comprende Pineta Zerbi, Tremulini ed Eremo, la terza circoscrizione Santa Caterina, San Brubello e Vito ed infine la quarta, Trabocchetto, Condera, Spirito Santo. Al termine del sopralluogo il Sindaco ed il vice Rizzica hanno tenuto una conferenza stampa. All’incontro con i giornalisti erano presenti, tra gli altri, i tecnici dell’ufficio decreto Reggio, gli ingegneri Brath e Barrile rispettivamente direttore dei lavori e responsabile del procedimento, l’ingegnere collaudatore Barbaro e per la Pridesa, azienda che sta eseguendo i lavori, Pietro Tota.
    “Il mio augurio è che entro la fine dell’anno, magari a Natale, possiamo fare un bel regalo ai nostri concittadini – ha detto Scopelliti – e risolvere un problema atavico”. Il primo cittadino ha anche fornito delle cifre interessanti. “ Se consideriamo che il costo dell’impianto ammonta a circa 3 milioni ed 800 mila euro e lo rapportiamo alla spesa dei reggini annuale per l’acquisto di acqua minerale che ammonta a 3 milioni di euro ci accorgiamo che il dissalatore è un’operazione, anche da questo punto di vista, molto conveniente per la città. A ciò non abbiamo considerato i costi per l’acquisto di lavatrici ed altri elettrodomestici usurati in breve tempo a causa della salinità dell’acqua. L’impianto – ha poi precisato Scopelliti – ed il costo della gestione dello stesso non graverà sulle tasche dei reggini. Il primo cittadino, al termine della conferenza, ha ringraziando per l'impegno l’ex sottosegretario, l'onorevole Francesco Nucara”. (ROTO SAN GIORGIO)