• Home / CITTA / Ministro Bianchi: “Il porto di Gioia Tauro diventerà il più grande centro logistico del sud”

    Ministro Bianchi: “Il porto di Gioia Tauro diventerà il più grande centro logistico del sud”

    ''Un miliardo e 400 milioni di euro, cifra imponente che nella Finanziaria, si è detto, saranno destinate ad infrastrutture calabresi e siciliane. Questo significa che noi avremo risorse per quattro opere fondamentali: Battipaglia-Reggio ferrovia, autostrada Salerno-Reggio Calabria, statale 106 e ferrovia ionica''. E' quanto ha detto il Ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi, nel corso di un incontro a Cosenza durante il quale ha illustrato il programma di lavoro del Ministero relativo alla mobilità aerea, marittima e terrestre per la Calabria. ''Poi, ovviamente, dovremo cercare – ha aggiunto – altre risorse per altre opere di carattere infrastrutturale che riguardano la viabilità di secondo livello, la catena logistica, quindi i centri intermodali. L'altro intervento che ho fatto sta andando in porto. Il Consiglio dei Ministri lo ha già approvato, è quello per Gioia Tauro con una riserva del 50% di tutte le risorse destinate a questo che dovrà diventare il più grande centro logistico del Mezzogiorno d'Italia, uno dei maggiori del Mediterraneo. Credo che i presupposti li abbiamo creati. Ora dobbiamo aspettare l'approvazione della Finanziaria perchè a quel punto sapremo esattamente cosa ci sarà su ogni voce''. ''Un tema – ha proseguito Bianchi – che a me sta molto a cuore è quello dei pendolari e per migliorare la condizione di questi ultimi dobbiamo cominciare ad acquistare treni. Abbiamo chiesto un fondo di 300 milioni di euro in tre anni. Se sarà confermato sono fondi che andranno alle Regioni. Faremo un accordo con la Regione Calabria per destinare questi all'acquisto di treni nuovi. Riguardo la situazione delle Ferrovie ci sono due problemi. Uno riguarda i treni regionali, per cui Trenitalia stava prevedendo la soppressione di molte corse perchè la Regione non aveva onorato i suoi impegni di carattere finanziario. Sono intervenuto scrivendo una lettera a Trenitalia ed il problema è rientrato. Quest'anno le corse saranno conservate anche per l'orario invernale. L'altro problema è quello legato alle linee di lunga percorrenza''. ''Qui abbiamo un mese di tempo – ha concluso – prima del nuovo orario per risolvere il problema. Ho cominciato ad affrontarlo e continuera' anche nella prossima settimana''. (ANSA)