• Home / CITTA / Inchiesta Vibo: Chiaravalloti si difende, “con la Pasquin solo cordialità“

    Inchiesta Vibo: Chiaravalloti si difende, “con la Pasquin solo cordialità“

    ''Sono totalmente estraneo alla
    vicenda di Vibo. Ma credo che qualcosa li' debba essere successo''. Ad
    affermarlo e' l'ex governatore della Calabria, Giuseppe Chiaravalloti,
    indagato per corruzione nell'inchiesta della procura antimafia di
    Salerno che ha portato all'arresto di un presidente di sezione del
    Tribunale di Vibo Valentia, Patrizia Pasquin, accusata dai pm di aver
    favorito la cosca Mancuso di Limbadi in cambio di favori.

    ''Molti anni fa -spiega Chiaravalloti- la signora Pasquin e'
    stata mia uditrice a Catanzaro, quando ero pretore li'. Ecco come mai
    ci conosciamo. Poi abbiamo mantenuto un rapporto cordiale. Lei aveva
    il telefono sotto controllo e cosi' sono venute fuori due chiamate tra
    di noi.
    Una volta mi chiamo' per segnalarmi la pratica di una sua
    amica. Ero ancora presidente della Regione Calabria e lei mi chiedeva
    di controllare che stessero lavorandoci. Io lo feci: chiamai l'ufficio
    e mi dissero che andava tutto bene. Poi me ne disinteressai. Ma e' una
    banalita', una cosa che ho fatto altre volte''.