• Home / CITTA / Forgione: “Politica e potere collusi con i clan criminali”

    Forgione: “Politica e potere collusi con i clan criminali”

    ''L'idea che mi sono fatto dei clan è quella di una mafia capace di perversità sociale con forte valenza criminale e capace di interloquire non solo con quella che Isaia Sales chiama la 'plebe', ma anche con un sistema di affari più complesso, che non potrebbe esistere senza una rete di collusioni con la politica e con il potere''. Lo ha affermato Francesco Forgione, nuovo presidente della Commissione parlamentare Antimafia, in un'intervista a 'Il Mattino'. ''Si può elevare l'azione di contrasto sul piano repressivo e giudiziario – aggiunge Forgione – e su quello della capacità investigativa e di riconquista delle aree sottratte alla legalità. Bisognerà lavorare anche sul piano dell'azione politica e della bonifica sociale, per prosciugare il brodo di cultura nel quale la camorra si rigenera. La mia idea di antimafia da un lato garantisce alla magistratura e all'opera dello Stato autonomia, indipendenza ed efficienza tali da non fermare l'azione di legalità alle soglie del potere politico ed economico, e dall'altro supera l'esclusiva dimensione giudiziaria per incontrare l'antimafia sociale''. ''La magistratura, le istituzioni e gli enti locali – conclude il nuovo presidente della Commissione Antimafia – avranno della Commissione un riferimento certo anche sul loro territorio. La prima priorità sarà la presenza sul territorio nei punti di massima crisi, Napoli e Calabria innanzitutto, ma anche Palermo, dove le strade non sono insanguinate ma la forza economica di Cosa Nostra è intatta e cresce''. (ADNKRONOS)