• Home / CITTA / E Bianchi dichiarò guerra all’Anas

    E Bianchi dichiarò guerra all’Anas

    bianchibis "Io credo che sulla strada Salerno Reggio Calabria, chi preferisce la puo' chiamare autostrada, ci sia da fare un'operazione importante: ci sia da chiedere conto all'Anas di un comportamento meno vergognoso di quello che e' avvenuto fino adesso". Il Ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi, non ha mezzi termini e la sua è una vera e propria dichiarazione di guerra all'Anas; "Io ho dichiarato la settimana scorsa al Cipe" – ha proseguito Bianchi – "durante la seduta nella quale si revisionava la Legge


    obiettivo, che ormai da qui in avanti in tutte le sedute del Cipe, in cui ci sara' l'argomento Anas, votero' sempre contro, qualunque sia l'argomento, pure che riguardi la strada da Lambrate fino a Verbicaro. Votero' contro fino a quando l'Anas non ci portera' scritto quali sono i conti effettivi che riguardano la strada Salerno Reggio Calabria, lo dico perche' la ragioneria generale dello Stato non sa quanti siano questi soldi e se lo dicono loro nessuno al mondo lo puo' sapere: le hanno chiamate le "risorse carsiche" – ha concluso il Ministro- perche' una volta appaiono e altre scompaiono. Poi l'altra e' che ci deve dire l'Anas sonoi tempi di realizzazione: ci dica pure che vuole finire nel 2070, basta che ce lo dica. Se quelli dell'Anas non ci danno queste due notizie in tutte le occasioni votero' contro".