• Home / CITTA / Reggina, Mazzarri: “Arbitrato? Andiamo avanti per la nostra strada”

    Reggina, Mazzarri: “Arbitrato? Andiamo avanti per la nostra strada”

    Mister Mazzarri al rientro dal giorno di riposo è pronto per il prossimo impegno contro il Catania, giusto però dare merito a chi domenica è sceso in campo all'Olimpico: "Va dato il legittimo riconoscimento a chi domenica è stato chiamato in causa rispondendo sul campo in maniera positiva. Bisogna migliorare ancora, però, perché con un pizzico di personalità in più avremmo rischiato meno nella fase di loro maggior pressione. Comunque se anche chi gioca meno riesce a rendere bene, vuol dire che tutti mi seguono durante gli allenamenti, il merito è certamente loro''. Un pareggio all'Olimpico conquistato da una Reggina in emergenza: "Una prestazione da apprezzare perché molte erano le variabili in funzione della gara anche dal punto di vista tattico. Ultimamente eravamo riusciti a trovare un certo equilibrio con Bianchi, Amoruso e Leon e, senza due dei tre, ho dovuto rivedere il tutto. Riguardando poi la gara a mente fredda non posso non menzionare il clamoroso quanto ingiusto fuorigioco fischiato ad Amoruso nella ripresa, era in posizione vantaggiosissima senza nessun avversario davanti, avrebbe fatto gol. Un episodio che mi rammarica perché a quel punto si poteva pure vincere, in fondo le palle gol più nitide sono state le nostre". Una difesa che grazie anche all'esordiente Di Dio non ha subito gol: "Mi ritengo soddisfatto della prova della mia difesa ma a volte può capitare che concedi qualcosa e non ti segnano, al contrario può succedere che alla prima palla gol ti puniscono. In generale credo che il reparto difensivo, in queste prime nove giornate, abbia sofferto veramente poco, forse solo con la Fiorentina qualcosina, ma i gol subiti  per la maggior parte sono stati frutto di disattenzioni o di grandi giocate dell'avversario (es. Mutu, Bresciano, Riganò)". Una Reggina che va avanti per la sua strada in un torneo atipico e che vede in testa il Palermo: "Ad essere sincero delle altre non mi frega molto, per me conta solo la Reggina e alla fine dei conti averne tre sotto in classifica. Faccio tutto in virtù del nostro obiettivo e dell'avversario di turno, la mia attenzione è rivolta solo a questo". La società amaranto è rimasta l'ultima di A ad attendere le decisioni dell'Arbitrato del Coni: "Di quest'argomento non mi piace parlare, è una storia che mi ha veramente deluso. Posso dire solamente che qualunque sarà la decisione finale la mia gestione dello spogliatoio non cambierà. Non posso negare, comunque, che per senso di giustizia la Reggina meriterebbe la restituzione dei punti, ma non è il mio primo pensiero, quello che conta è preparare al meglio la prossima gara contro il Catania, fin adesso abbiamo fatto bene e questo mi conforta". (REGGINACALCIO.COM)