• Home / CITTA / Presentata la nuova fiction Rai “Artemisia Sanchez”

    Presentata la nuova fiction Rai “Artemisia Sanchez”

    "Artemisia Sanchez" è il nome della fiction televisiva prodotta dalla Cosmo Production di Elide Melli per Rai Uno. Fiction, presentata oggi pomeriggio durante una conferenza stampa presso l’aula Commissioni di palazzo Campanella che, dopo “Gente di mare”, ha il sapore ancora tutto calabrese. Per gli onori di casa, il presidente del Consiglio regionale Giuseppe Bova, il presidente della Provincia Giuseppe Morabito e l’assessore regionale allo spettacolo Nicola Adamo.

    La fiction “Artemisia Sanchez” (primo ciak il 23 ottobre scorso) prodotta dalla Cosmo Production per Rai 1 trae origine dall’inventiva di Santo Gioffrè, conterraneo e appassionato di quella storia che ci riporta ad un Sud, bello, ricco, attraversato da fervori culturali e prezioso nel panorama europeo del XVIII secolo, per riportare alla contemporaneità un’identità perduta e affogata da un destino di dominazione perpetua. Vede impegnato un cast artistico di primo piano come il regista calabrese Ambrogio Lo Giudice, l’attrice bulgara Michelle Bonev, nel ruolo della protagonista, Artemisia Snchez, Fabio Fulco che interpreta don Angelo Falsetti. Nel cast figurano anche attori calabresi come Giuseppe Zeno, Paolo Fiorino, Simona Corigliano, Andrea Naso, Francesco Reda ed altri.

    Sullo sfondo di una società sempre pronta a rinnovarsi, accorta ai mutamenti culturali e internazionali, “Artemisia Sanchez”, principessa spagnola trapiantata in Calabria, vivrà fino in fondo la sua vicenda di amore e passione, lotta, rabbia e conquista. Vedova del suo don Angelo Falsetti, la tenace Artemisia dovrà fare i conti con una realtà provata dal terremoto del 1785 e con una Calabria reazionaria, dove odio, vendetta e sopraffazione spesso sono il pane quotidiano di nobili e contadini. Non mancherà nemmeno il fascino indomito dell’illuminismo, incarnato nella fiera figura del Marchese Grimaldi. Disposta a puntare alto, Artemisia ingaggerà una battaglia con la propria intraprendenza e con la cultura radicata di pochi uomini fidati.