• Home / CITTA / Reggio, saranno ampliate via Sbarre Superiori e via Trabocchetto II

    Reggio, saranno ampliate via Sbarre Superiori e via Trabocchetto II

    Riqualificare la viabilità del popoloso quartiere di Sbarre, in considerazione, soprattutto, delle importanti strutture che insistono nel rione, prime tra tutte l’Ospedale Morelli e la caserma dei Vigili del Fuoco. Queste, in sintesi, le priorità che si pone il progetto esecutivo “Ampliamento di via Sbarre Superiore, nel tratto compreso tra la caserma Cantaffio e viale Europa”, approvato dalla Giunta Municipale.
    L’intervento, nel dettaglio, si svilupperà per circa 315 metri lungo via Sbarre Superiore nel tratto compreso tra la caserma Cantaffio e viale Europa, più precisamente in prossimità di via Saja a monte della scuola media ‘Bevacqua’, attraverso il tunnel degli alloggi Aterp.
    Il progetto, oltre all’allargamento della sede stradale, prevede anche una serie di sottoservizi, quali le reti fognarie e di raccolta di acque bianche, l’impianto di pubblica illuminazione e la segnaletica nonché la sistemazione dell’area adiacente la struttura ex Iacp, oggi Aterp.
    Per quanto concerne le opere complementari al progetto principale, sarà realizzata una nuova condotta idrica che manterrà, con lievi modifiche, il medesimo tracciato di quella esistente e si snoderà lungo la carreggiata nel tratto caserma Cantaffio – Viale Europa per una lunghezza di circa 320 metri. Questo tratto di condotta verrà innestato a quella attuale e verranno ripristinate tutte le diramazioni esistenti. Inoltre, saranno collocati, lungo la condotta, ‘pezzi’ speciali per i collegamenti con gli utenti.
    Per l’area adiacente la palazzina Aterp, invece, si provvederà alla pavimentazione, alla realizzazione dell’impianto di pubblica illuminazione ed all’apposizione della segnaletica orizzontale e verticale.
    L’Organo Esecutivo di Palazzo San Giorgio ha, altresì, approvato il progetto esecutivo per i lavori di “Ampliamento della strada da Trabocchetto II a via Reggio Campi”.
    L’intervento si rende necessario per garantire un miglioramento della viabilità  della zona interessata. L’accurato studio redatto dai tecnici incaricati alla redazione del progetto, prevede inoltre, per procedere all’ottimo completamento dell’opera, la differenziazione della piattaforma stradale e la demolizione dei muri in pietra esistenti. Saranno comunque costruiti nuovi muri di sostegno in cemento armato che si svilupperanno lungo il tratto che si snoda poco dopo l’incrocio della via Trabocchetto III con via Reggio Campi.
    Contemporaneamente alle rampe ‘bidirezionali’ saranno realizzati anche il marciapiede di circa 1,20 metri e la rete di smaltimento delle acque meteoriche. (ROTO SAN GIORGIO)