• Home / CITTA / Raddoppio ferroviario: tavolo di confronto Comune-Ferrovie

    Raddoppio ferroviario: tavolo di confronto Comune-Ferrovie

    “L’odierno e quanto mai opportuno incontro tecnico conferma la fondatezza dei rilievi mossi in ordine alle gravissime condizioni di disagio create ai cittadini reggini, e pellaresi in particolare, dai lavori connessi al raddoppio del binario Reggio Calabria – Villa San Giovanni”. Così il Presidente del Consiglio Comunale Aurelio Chizzoniti commenta il tavolo di confronto instaurato per recepire le esigenze della comunità e cercare di risolvere quelle problematiche verificatesi dopo la realizzazione del raddoppio ferroviario. L’Amministrazione Comunale e le Ferrovie, dunque, gli attori di una riunione che, svoltasi oggi a Palazzo San Giorgio, ha avuto come obiettivo prioritario quello di avviare contatti permanenti tra le due istituzioni affinché si possa ovviare ad alcune situazioni di disagio, in particolare quelle relative ai sottopassi dell’area Pellaro – Bocale.
    Una tavola rotonda alla quale hanno partecipato il sindaco Giuseppe Scopelliti, accompagnato dagli assessori Giuseppe Raffa, Candeloro Imbalzano, Giuseppe Adornato, Franco Sarica e Michele Raso, il delegato Enzo Sidari, il presidente del Consiglio Comunale Aurelio Chizzoniti, il presidente della XV circoscrizione Pasquale Melito, i tecnici del Comune Salvatore Sgrò e Saverio Putortì ed una delegazione di Rfi, composta dal Capo Dipartimento, Francesco Teofilo, da Ugo Milone, per l’Italferr – PM Calabria, da Francesco Ripepi e Maurizio Baccellieri di Rfi e da Giovanni Calabrò, direttore dei lavori dell’Italferr.
    Si è trattato dell’avvio di una serie di incontri che serviranno, appunto, a colmare quelle lacune che hanno recato disagi ai residenti, soprattutto durante i giorni scorsi quando, a causa delle forti piogge, alcuni sottopassi sono divenuti impraticabili a causa dell’alta acqua stagnante.
    Un excursus dettagliato e preciso sul problema della defluizione corretta, e non solo, è stato illustrato dagli amministratori che, in altre parole, hanno portato all’attenzione dell’azienda di trasporto le questioni sollevate dagli abitanti delle zone interessate. Da un lato, dunque, la soddisfazione per la celerità con la quale sono stati conclusi i lavori garantendo un servizio alla mobilità urbana, come evidenziato dal Primo Cittadino, ma nel contempo l’esigenza di ricercare una soluzione ‘ad hoc’ che coniughi la realizzazione di un’opera importantissima ai bisogni di chi vive quotidianamente a contato con i cantieri aperti per l’esecuzione dei lavori. Insomma un’analisi tra ciò che era stato definito durante la Conferenza dei Servizi e quello già portato a compimento o da completare. Da parte delle Ferrovie è stata esternata la massima disponibilità non solo ad individuare le risoluzioni più idonee ma di continuare a mantenere il tavolo tecnico instaurato dall’avvio, proprio, della Conferenza dei Servizi: un confronto che si terrà ‘vivo’ sino al settembre del 2007, cioè quando dovrebbero essere conclusi tutti i lavori. 
    Al termine della riunione l’obiettivo comune evidenziato è stato quello di superare queste problematiche entro dicembre. Per attuare lo scopo prefissato, infatti, il Sindaco Scopelliti ha proposto un’ulteriore riunione a brevissimo termine per avere il preciso e puntuale ‘crono – programma’ delle opere previste in Conferenza, quelle già attuate, quelle in fase di realizzazione e da fare, in modo di poter intervenire in modo organico e ben strutturato.
    “Sono emersi – conclude poi il presidente Chizzoniti – anche altri problemi per la cui soluzione, responsabilmente, va registrata la disponibilità dell’Ente Ferrovie a risolverli anche con la fattiva collaborazione dell’Amministrazione Comunale che, attraverso il sindaco Giuseppe Scopelliti, ha indicato nell’apprezzato dirigente Salvatore Sgrò, il qualificato interlocutore per collaborare alla soluzione di tutti i problemi sorti non soltanto nell’area pellarese, ma lungo tutta la tratta che impegna il territorio comunale reggino da Gebbione a Bocale”. (ROTO SAN GIORGIO)