• Home / CITTA / Tripodi: “La destra reggina alimenta le provocazioni di stampo squadrista”

    Tripodi: “La destra reggina alimenta le provocazioni di stampo squadrista”

    tripodimichelangeloDopo l'arresto del giovane di destra mentre tentava di appicare il fuoco alla sede reggina di Rifondazione, l'assessore regionale Michelengelo Tripodi va giù pesante ed assegna pesanti responsabilità alla destra reggina: 

    "Ci hanno provato" – afferma in una nota Tripodi- "ancora una volta ci hanno provato, a mettere di notte il fuoco ad una sezione di un partito di sinistra.

    Dopo i vili gesti perpetrati qualche settimana fa a danno della federazione provinciale del PdCI di Reggio Calabria e delle sezioni Reggio Sud del PdCI e del PRC, ieri notte i neo fascisti reggini hanno provato ad incendiare la sezione “Morabito” del Partito della Rifondazione Comunista.

    Dopo il tentativo di incendio dell’anno scorso ai danni della sezione dei Comunisti Italiani  di Sbarre, stavolta evidentemente" -prosegue Tripodi- "doveva toccare alla sede di Rifondazione Comunista.

    Però il pronto intervento dei carabinieri ha stroncato sul nascere la pericolosa iniziativa che poteva arrecare gravi e seri danni alla sede del partito e mettere in serio pericolo la sicurezza dei residenti delle abitazioni vicine

    Si tratta di un fatto di una gravita inaudita sul quale, a questo punto, chiediamo delle indagini serie perchè la costanza, la continuità e la spregiudicatezza che nel tempo ha visto una sequela di vili atti vandalici contro le sedi del PdCI e del PRC di Reggio Calabria, non può essere da considerarsi opera ne di mitomani ne di fanatici, ma si tratta di un’azione organizzata e sistematica tesa a creare un clima di tensione e di paura.

    Nell’esprimere la massima solidarietà ai dirigenti ed ai militanti di Rifondazione Comunista, come noi più volte vittime di atti vandalici, diciamo, a testa alta, che noi non ci piegheremo alla violenza fascista.

    In questo contesto" – conclude Tripodi- "assume sempre più rilievo la necessità di interrompere finalmente le continue ed offensive provocazioni che, attraverso alcune scelte amministrative, la destra reggina sta portando avanti contro le idee ed i valori della sinistra e che sono state terreno di coltura che ha alimentato queste azioni di chiaro stampo squadrista"