• Home / CITTA / La Regione pagherà il trapianto per la piccola Luana

    La Regione pagherà il trapianto per la piccola Luana

    sala_operatoriaGiuseppe Moscato è il papà di una bimba di sette mesi che necessita, per ragioni di vita o di morte, di un trapianto urgente in America. Di queste ore la disponibilità della Regione Calabria, espressa dal Presidente Loiero, a sostenere le spese. Irrefrenabile la gioia del papà: ''Certo -dice Moscato – mi hanno fatto penare quattro mesi prima di prendere in considerazione il mio caso. Da piu' parti mi era stato detto che la spesa da sostenere per l' intervento era troppo alta. Adesso, per fortuna, si e' capita la gravita' della situazione e la Regione Calabria, ed il presidente Loiero in particolare, mi sono venuti incontro.

    Ne sono felice e spero che il sostegno economico che mi e' stato garantito si possa concretizzare nel piu' breve tempo possibile per consentire l' effettuazione immediata del trapianto su mia figlia. Bisogna fare presto. Ogni giorno che passa pregiudica la situazione. Per questo bisogna agire nel modo piu' rapido. In passato a garantirmi un aiuto era stata soltanto l' associazione di Parma 'Liberate il piccolo Tommaso', costituita dopo il rapimento del povero Tommaso Onofri. Adesso, grazie al sostegno della Regione Calabria, tutto diventa piu' facile e possiamo affrontare piu' serenamente la nostra drammatica situazione''

     

    "L'appello disperato del padre non ci poteva lasciare indifferenti" – fa sapere il presidente Agazio Loiero – "e d'altra parte c'e' una legge regionale che, fatte le necessarie verifiche, ci consente di intervenire".

    "Purtroppo" – aggiunge il presidente – "si tratta di un intervento delicato e costoso. E se davvero viene effettuato soltanto alla Duke University di Durhan, in North Caroline, vuol dire che la Regione se ne occupera'. Il diritto a una vita normale della piccola Luana viene prima di ogni altra cosa. Non c'e' bisogno di collette, dunque. L'assessore Lo Moro ha preso
    in carico la vicenda anche con grande sensibilita' umana. Spero, tra qualche tempo, di vedere sgambettare la bimba nella
    mia stanza alla Regione, dove saro' felice di accoglierla quando tutto sara' risolto, al suo rientro dagli Usa".