• Home / CALABRIA / Innovativo intervento cardiochirurgico all’Annunziata di Cosenza

    Innovativo intervento cardiochirurgico all’Annunziata di Cosenza

    Intervento innovativo all’Annunziata di Cosenza. Una giovane donna, con recente ictus ischemico, allergica al nichel, portatrice di forame ovale pervio è stata trattata con  sutura simil-chirurgica al posto del tradizionale “ombrellino”.  L’intervento è stato eseguito per la prima volta in Calabria,dall’equipe di cardiologia interventista, coordinata dal dr. Francesco Grecoinsieme al responsabile del progetto il dr. Angelo Leone.

    Il forame ovale pervio è un difetto cardiaco congenito di comune riscontro nella popolazione generale (30%) e consiste in una mancata fusione di due lembi del setto interatriale, con una comunicazione anomala tra l’atrio destro e l’atrio sinistro.  Normalmente questa anomalia viene trattata chirurgicamente con l’inserimento di un dispositivo,composto da 2 dischi in nichel e titanio di circa 2-3 cm di diametro che a sandwich va a chiudere il buchino presente tra i due atri, detto appunto “ombrellino”.

    La nuova tecnica   consente di chiudere l’anomalia senza posizionare alcun ombrellino e quindi senza lasciare all’interno del cuore alcun materiale.

    “E’ un intervento – ha spiegato il dr Greco – mini invasivo eseguibile attraverso la vena femorale con paziente sveglio e con degenza di 2 giorni. La UOC di Cardiologia interventista dell’Annunziata è   la prima ad utilizzare in Calabria,la nuova metodica trans-catetere”.

    Nel frattempo nell’ultimo Congresso Nazionale di Cardiologia Interventistica (GISE) il Dr. Angelo Leone è stato eletto Delegato della Regione Calabria e il Dr. Francesco Greco è stato eletto al Consiglio direttivo nazionale.