• Home / CALABRIA / Confindustria da Calabria e Sicilia: ‘Zes, atto grave dirottare fondi destinati al Sud’
    Il porto di Gioia Tauro perde pezzi, spera nella Zes, ma il MIT è attento

    Confindustria da Calabria e Sicilia: ‘Zes, atto grave dirottare fondi destinati al Sud’

    “Spostare le risorse destinate alle Zone economiche speciali del Mezzogiorno sarebbe un atto grave e di assoluta irresponsabilità politica. Noi siamo pronti a fare le barricate”
    . Alessandro Albanese, vicepresidente vicario di Sicindustria, Natale Mazzuca, presidente di Unindustria Calabria, Antonello Biriaco di Confindustria Catania e Diego Bivona di Confindustria Siracusa vanno dritto al cuore del problema: “Pensare di dirottare su altre misure qualcosa come 300 milioni di euro previsti sotto forma di semplificazione burocratica e credito d’imposta per invogliare le aziende a insediarsi o investire nel Mezzogiorno è un segnale irresponsabile e gravissimo di disattenzione verso territori che sono già in agonia. Non è possibile continuare a giocare sulla pelle del Sud. Se il governo vuole recuperare fondi lo faccia tagliando sprechi e clientele, ma non togliendo linfa vitale a uno strumento che può aiutare il sistema economico del Sud”.