• Home / CALABRIA / Made in Calabria è il grido di battaglia “pacifica” che i Parafoné lanciano per la nuova tournee estiva 2017

    Made in Calabria è il grido di battaglia “pacifica” che i Parafoné lanciano per la nuova tournee estiva 2017

    L’incantevole borgo medievale di Badolato (CZ) e i suoi “di-vini” Catoji accolgono i protagonisti e la troupe per una giornata di riprese; il leitmotiv della canzone e la location scelta, “Il Catojo degli Amici”, non lasciano dubbi sullo “spirito” delle scene. La regia di Simone Valente ritrae il gruppo nel gioioso convivio di una cantina, con la straordinaria special guest di due “alberi di canto” della tradizione musicale e della zampogna a chiave delle Serre Calabre: Giuseppe Russomanno e Domenico Corrado; amici del gruppo ormai, ma prima di tutto maestri ed esempi di una cultura e di un mondo musicale che ha sempre affascinato e ispirato i Parafoné. Semplice e diretto il messaggio, scanzonato e coinvolgente il video, richiama luoghi del corpo e della mente cari a chi vive in questa stupenda e difficile regione d’Italia. Questo esercizio di lettura e di rappresentazione si muove tra il reale e il recitato; l’ambientazione, che sembra appartenere al passato, è invece ancora viva e vegeta ma soprattutto sana (basta soltanto tenere a bada le transaminasi). Vino, buon cibo, il canto, il suono, le risate e il ballo sono gli ingredienti mescolati con sana e astuta ironia in un copione volutamente a metà (dice il regista), che lascia la possibilità di rubare e ritrarre quadri ed espressioni nell’incontro tra vecchie e nuove generazioni, tra giovani e maturi suonatori tradizionali, nonché i legami e il tramandamento della millenaria cultura agropastorale nel nostro tempo. Il tutto si è sviluppato alternando un minimo di canovaccio recitativo e il libero passare del tempo insieme dei protagonisti.

    I PROTAGONISTI
    Il brano Pizzicariedhu, scorre via solare e disincantato, tra il chitarrino battente dell’Oste (Angelo Pisani) ed il Tamburello Recitante (Gianluca Chiera), tra la Chitarra Pizzicata e Voce di Enotrio (Bruno Tassone) ed un Mandolino Innamorato (Domenico Tino), con un bel finale “a ballo” di organetto (Totò Codispoti), cantando a più voci le passioni, la vita e la musica. Tutti i commensali dal Bicchiere Facile (Omar Remi) sono ammaliati dalla dolcissima e simpatica Cantiniera Ballerina (Silvana Restuccia) la quale, oramai stanca, decide di far finire l’estenuante festa mandando un Innocente fanciullo (Vincenzo Maria Ermocida) alla ricerca di un misterioso omone Risolutore (Graziano Ciancio).

    IL BACKSTAGE
    Simpatico e divertente il backstage finale che contiene piccoli retroscena esilaranti, dal quale traspare il clima che si è creato sul set ma soprattutto si può “assaggiare” questo esperimento tra il reale e il recitato.
    Un momento magico questo per i Parafoné, dopo l’importante riconoscimento della Giuria Internazionale al Premio Parodi di Cagliari, la tournee invernale in Canada, il “Teatro Cilea” di Reggo Calabria e il “Teatro Moderno” di Vibo Valentia, la band è pronta a ritornare nelle piazze di tutta la Calabria e d’Italia con un nuovo spettacolo coinvolgente e originale, un’esibizione che interseca i brani storici e conosciuti del gruppo con novità musicali tutte da ascoltare, cantare e ballare.